giovaniemissione.it

p. Alex Zanotelli: APOCALISSE, NEL CUORE DELLA BESTIA

L’idolo del mercato, l'onnipotenza del denaro

Apocalisse: nel cuore della bestia

p. Alex Zanotelli

cerca nel sito

torna alle pagina Teologia della Missione

scrivi

Veglie e preghiere

Sfide per crescere

Catechesi

 

Leggi con cura la sezione nel sito: "Provocazioni di p. Alex Zanotelli"


Quella che segue è una parte di una meditazione sul capitolo 13 del libro dell' Apocalisse, fatta da Alex Zanotelli ad un gruppo di operatori della cooperativa "il Seme", di Bergamo.

LÂ’idolo del mercato, l'onnipotenza del denaro

Se questo testo diventa per noi oggi Parola, se cioè come il profeta dell' Apocalisse riusciamo a leggere la realtà dalla parte di chi paga per questo sistema, dal Crocefìsso, dalla vittima dell'impero, è chiaro che per noi oggi è l'impero economico la grande bestia. Non tanto il potere politico quanto quello economico è la grande bestia che sale dal mare, con una potenzialità incredibile. È quella stessa bestia che aveva cavalcato Roma, la grande prostituta, e che ora cavalca l'impero economico. È ancora lei, che cavalca nella storia, in continuità. Questo potere economico ha stravinto, così come è detto in questo testo: aveva potere su ogni tribù, nazione e tutti la adoravano. Notate la potenza che ha questa bestia e la bestemmia: questa bestia bestemmia, perché di nuovo sente di essere Dio. Mai come oggi si è sentito il potere, l’onnipotenza del denaro. Oggi sembra che tutti si inchinino davanti a questo potere, davanti ai grandi dell'economia. Ed è ancora qui la paura del profeta dell'Apocalisse: non ha tanto paura della persecuzione e del martirio, che addirittura riescono invece a unire, a far rivivere, a mettere forza, a purificare la comunità, ma il problema è l'idolatria! Noi diventiamo patte integrante del sistema! Nelle lettere che il profeta scrive a nome del Signore alle sette comunità, alle sette Chiese (e quindi a tutta la Chiesa) parla della paura che ha, non della persecuzione, ma che le Chiese e le comunità stiano lentamente adattandosi alla cultura dominante. È lì il vero grande pericolo. Ed è il pericolo nostro, che anche noi diventiamo parte dell'idolatria dominante, dell'economia dominante e alla fine non diciamo più nulla. Ecco l'importanza di questo senso di resistenza.

Impariamo a resistere!

Sono le comunità che devono resistere, ma la resistenza si paga sempre: "Attenti! Colui che deve andare in prigionia andrà in prigionia! Colui che dovrà essere ucciso di spada, di spada sarà ucciso! Perché, guardate, in questo sta la fede e la costanza dei santi". Volete resistere? Sappiate che la resistenza implica il martirio. Il martirio non è soltanto quello fisico, ma anche e soprattutto, oggi, quello psicologico. Per esempio, in un incontro che ho avuto a Verona, fra tutta la gente che c'era, ad un certo punto si è alzata una donna e ha detto. "Questo sistema è veramente terribile... se tu fai delle scelte subito vieni aggredito. Per esempio i miei bambini, che si confrontano con gli altri bambini, sono venuti a dirmi: Mamma, perché tu sei matta? Ma nessuno fa cose del genere!" Ed è veramente così! Ricordatevi che qualunque scelta voi fate, se è controcorrente lo sentite! Per questo non chiedo a nessuno l'eroismo. Chiedo solo di fare quello che si può.

Se ognuno fa quello che può, alla fine riusciremo a costruire qualcosa di bello. Ma l’eroismo posso chiederlo solo a me, non a qualcun altro, perché anche solo le piccole cose si pagano. La resistenza, l'opposizione, la denuncia... dobbiamo metterci in testa che si pagano in mille maniere.

Ecco la prima bestia: il potere economico, che ha stravinto, che penetra dappertutto, che ci schiaccia, che produce le vittime, soprattutto al Sud. Ed ecco allora il significato della resistenza: bisogna resistere per svelare, per smascherare la bestia e lottare contro di essa.

Una religione che nasconde o che denuncia?

E la seconda bestia? Ai tempi dell'impero romano abbiamo visto che era la religione. Oggi la religione è talmente asservita al potere che non ha potere. Le Chiese non disturbano. Io sono d'accordo con quei biblisti americani che sostengono che le Chiese sono idolatre e parte integrante dell'impero. Noi in Italia non ne siamo molto lontani. Pensiamo a Hitler, a Mussolini che ha usato i Patti lateranesi, a come in questi ultimi quarant'anni il potere politico ha usato la Chiesa. Oggi non è la religione che potrebbe dare problemi. Come Roma usava i templi, i sommi sacerdoti, l'aristocrazia sacerdotale per creare l'ideologia imperante della Roma eterna, del culto imperiale, così oggi il potere economico usa i mass-media. È la televisione per noi, oggi, la seconda bestia. È con la televisione che siamo resi dei tubi digerenti. Si è stimato che un individuo mediamente trascorre tre anni della propria vita a guardare la pubblicità. Tre anni! Per forza che vengono assimilati! E con questo meccanismo passa l'ideologia. Non ci fanno vedere il grido di chi soffre e paga per il nostro modo di vivere. Il messaggio che arriva a noi è che mai siamo stati in un mondo così bello come quello di oggi... è il migliore di tutti gli imperi, mai si è vista una grandezza simile... ma di che cosa vi lamentate? Che cosa volete di più? E questo arriva a noi con la televisione in una maniera così dolce e così soave.

Questa è la bestia che ci mette nel giro, che ci illude sull'impero, che ci fa vedere una precisa immagine dell'impero quando la realtà è ben altra e non fa altro che renderci tubi digerenti. Il messaggio principale di questa seconda bestia è chiaro: consumare. Perché questo è lo scopo di tutto l'impero economico. Noi dobbiamo consumare quello che produce, senza fare domande. E la televisione è uno strumento che funziona benissimo a questo scopo.

Pensiamo poi al significato del marchio della bestia: se volete vivere in quest'impero dovete avere quel marchio, altrimenti non commerciate, non fate fortuna! Oggi il marchio è economico.

Non abbiate paura!

Alla fine il grande messaggio per noi oggi è essenzialmente uno: non abbiate paura! Non è dio questo impero! Ha un nome d’uomo! Il cuore della profezia è questo impero che sembra essere invincibile, ma è mortale! È la statua che ha i piedi di argilla. Come per Daniele, è sufficiente un nulla, un sassolino che rotola via spontaneamente (evidentemente è sospinto da Dio) andando a toccare i piedi della statua... e questo immenso impero di oro crolla. Ecco da dove nasce la speranza: non abbiate paura, Dio è Dio, Babilonia è caduta. Ci sono voluti trecento anni prima che Roma cadesse, ma per il profeta era già caduta, non bisognava averne paura, bisognava resistere. Il timore del profeta è che le comunità si adattino alla cultura dominante e finiscano per tacere. I cristiani, invece, non sono chiamati ad essere il termometro della società, ma il termostato. Ed è questo che hanno fatto le prime comunità. Alla fine hanno fatto crollare l'impero con la loro resistenza.

La speranza nasce dalla parola

Anche per noi oggi c'è questo invito alla speranza. Se c'è una cosa di cui dobbiamo avere paura è di aver paura. La speranza nasce dalla Parola. La Parola diventa liberante al massimo, ci fa leggere, ci dà forza.

Io vi ho dato la chiave di volta per leggere, ma ora sta a voi. Nella comunità ognuno deve chiedersi come sta vivendo e sperimentando la bestia, come può resistere la comunità.

Il mio personale invito è quello di costruire piccole comunità cristiane. Non si può resistere senza una comunità che abbia al suo centro la Parola che è quella leva che Archimede chiedeva per sollevare il mondo, che ci permette di guardare con altri occhi la realtà.

Dentro le comunità c'è bisogno anche degli atei che sono una ricchezza per i credenti, perché permette loro di fare un po' di sana autocritica.

Comunità per credere e per resistere

È importante che dietro ad ogni piccola iniziativa ci sia una comunità per ritrovarsi, leggere la Parola che porta all'analisi sociale (fondamentale per resistere) e alla resistenza mirata.

Non potete resistere a tutto, impegnarvi su tutti i fronti, sul nucleare, sugli immigrati, sulla pace, sul commercio, sull'informazione... è impossibile! Ogni comunità dovrebbe assumersi un impegno preciso (già questo sistema ci impegna e ci fa correre da tutte le parti) per poi connettersi con le altre comunità. Non aspettatevi nulla dall'alto, dall'alto sta arrivando solamente distruzione. È dal basso che nascerà qualche cosa di nuovo e tocca a tutti noi farla nascere. Qui sta l'importanza della Parola, dell'analisi sociale e dell'impegno in piccole comunità cristiane. Piccole comunità cristiane di dieci o quindici persone che si ritrovano una volta alla settimana o ogni quindici giorni a fare insieme questo percorso.

 

 

torna alle pagina Teologia della Missione

Leggi con cura la sezione nel sito: "Provocazioni di p. Alex Zanotelli"

 

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter