giovaniemissione.it

Laboratorio sulla Povertà Lontana

Centro di Documentazione "Paulo Freire"



  Domenica 18 Gennaio 2009

 

Centro di Documentazione “Paulo Freire”


LABORATORIO

sulla 

POVERTÀ LONTANA

 

Nell’ambito della Marcia della Pace 2009, promossa dalla Diocesi di Padova, il Centro di Documentazione “Paulo Freire” ha organizzato un seminario sul tema “povertà lontana”.

Erano presenti circa trenta giovani, provenienti da diverse realtà della diocesi.
 

Il laboratorio si è svolto secondo il metodo pedagogico di Paulo Freire: a partire da alcune parole chiave (“parole generatrici”), abbiamo cercato dei collegamenti e delle relazioni in modo tale da avere un quadro d’insieme delle cause e le conseguenze della povertà “lontana”, intesa come povertà presente negli altri continenti.

 

Le fasi di lavoro:

 

1. Su un cartellone abbiamo scritto le parole da associare al tema della povertà. Ecco il frutto del brain storming:

solitudine, ingiustizia (per 2 volte), oppressione, limitazione, privazione, bisogno, nudità, scandalo, fame (per 3 volte), ricchezza, semplicità, difficoltà, squilibrio, impotenza, essenzialità, guerra, mala-politica, impedimento, dipendenza, impotenza, solidarietà, sofferenza, morte, disuguaglianza, libertà, ricerca, infelicità, paura, ignoranza, disperazione

 

2. In un secondo momento abbiamo cercato di legare queste parole tra loro. Ogni partecipante ha associato la parola da lui proposta ad un’altra, in modo da specificarne meglio il significato. Si sono formati in questo modo 5 gruppi di parole associate tra loro:

 

a) fame, morte, mala-politica, ingiustizia, sofferenza, squilibrio, disuguaglianza, paura, impotenza, guerra, scandalo

 

b) infelicità, solitudine, disperazione

 

c) bisogno, ricerca, semplicità, solidarietà, libertà, essenzialità, ricchezza

 

d) dipendenza, ignoranza, oppressione, mancanza

 

e) impedimento, limitazione

 

3. Si è quindi cercato di formare un albero - con radici, tronco e foglie - per visualizzare concretamente il concetto di povertà “lontana”, le cause e le conseguenze. Al centro del tronco è stata collocata la parola PRIVAZIONE come chiave interpretativa del concetto di povertà; alle radici abbiamo posto il termine OPPRESSIONE legato a quello di INGIUSTIZIA, che a sua volta porta alla privazione di qualcosa. Quest’attività ha richiesto diverso tempo.


 

4. Alla fine ci si è divisi in 4 gruppi, tre dei quali hanno lavorato sulle singole parole (privazione, oppressione, ingiustizia), mentre un gruppo si è dedicato alla costruzione dell’albero e al collegamento tra le parole chiave.

I concetti, inizialmente astratti, sono stati poi analizzati nella concretezza di un esempio attuale di povertà lontana: la situazione in Congo.

I gruppi di lavoro si sono serviti del materiale presente nel Centro di documentazione (sussidi, riviste, video) e hanno approfittato della preziosa collaborazione di Padre Neno Contran (missionario comboniano in Congo). È stato così costruito un Power Point, presentato ai partecipanti degli altri due laboratori al Tempio della Pace e alla Chiesa della Natività.

 

Scarica il file

icon PovertàLontana.pdf


Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter