giovaniemissione.it

Preghiera di una mamma ugandese

Preghiera di una mamma ugandese

cerca nel sito

torna alle pagina Veglie e Preghiere

scrivi

Catechesi

Teologia della Missione

Sfide per crescere

 

"No Signore, non quest'anno.

Ti prego, dammi ancora due anni per mia figlia, così ne avrà quattro".

Durante il lavoro e ovunque, ripetevo la stessa preghiera,

"Signore ancora due anni".

Ma come volarono veloce quei due anni.

La bambina aveva quattro anni.

Ed io continuavo a pregare:

"Oh no Signore è troppo presto! Ancora due anni! Ti prego".

E con quella preghiera mi convincevo e continuavo a credere che avrei avuto due anni sereni.

"Signore, mia figlia avrà sei anni e sarà più facile.

Però Signore, sarebbe meglio se arrivasse un po' più avanti, due anni 

sono ancora troppo pochi per perdere la madre".

E così continuo a vivere, a lavorare, a pregare e non ci penso nemmeno a morire. 

Intensifico le mie attività a

 favore delle donne e dei tanti malati di Aids, specialmente le giovani mamme. 

La mia bambina va a scuola, è brava, dice che sarà insegnante come sua madre. 

Lei sa che sono sieropositiva, sa che potrebbe perdermi, ma sa che sua mamma crede nei miracoli.

Un miracolo. Si, un miracolo.

E così, la mia preghiera ora è questa:

"Signore, ora credo nei miracolo. Non ti chiedo più un termine di tempo, tu mi doni la vita per mia figlia,

 io te la ridono per lei e per aiutare altre mamme malate di Aids".

 

Kelly Ajok

Tratto da: http://www.femmis.org 

 

Visita l'approfondimento sull' Uganda 

 

torna alle pagina Veglie e Preghiere

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter