giovaniemissione.it

I più poveri, i più umili, i perduti... Rabindranath Thakur, Tagore

I più poveri, i più umili,

 i perduti....

cerca nel sito

torna alle pagina Veglie e Preghiere

scrivi

Catechesi

Teologia della Missione

Sfide per crescere

 

 

Qui c’è il tuo sgabello,

e qui riposano i tuoi piedi,

dove vivono i più poveri,

i più umili, i perduti.

 

Quando cerco dÂ’inchinarmi a te

il mio omaggio non riesce a giungere

dove i tuoi piedi riposano

tra i più poveri, i più umili, i perduti.

 

LÂ’orgoglio teme dÂ’accostarsi a te

Mentre cammini, indossando

le misere vesti

dei più poveri, dei più umili, dei perduti.

 

Il mio cuore non riesce a trovare

la strada per scendere laggiù

dove tu tieni compagnia a uomini soli:

i più poveri, i più umili, i perduti.

 

(tratto da Gitanjali di Rabindranath Thakur, Tagore)

 

 

leggi il comunicato dello staff di giovaniemissione: Le ferite del sud-est asiatico

 

torna alle pagina Veglie e Preghiere

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter