giovaniemissione.it

Il ritorno da "padre"

di p. Matteo Merletto dal Congo

Il ritorno da "padre"

 

 

impressioni di un giovane missionario

cerca nel sito                                torna alle pagina Lettere dalle missioni                                         scrivi 

 

 Padre Matteo è ritornato in questi giorni in Congo, ma questa volta nella veste di "padre". 

Ci lascia alcune impressioni sui primi giorni africani.

 

E' da ormai una settimana che mi trovo qui a Kinshasa e che ho lasciato la gelida Italia per la mia nuova missione: Rungu, nel nord-est del Congo. Voglio ringraziarti con questo messaggio per tutto quello che hai fatto per me... per quello che tutti voi, amici e amiche, avete fatto per rendere indimenticabili queste mie vacanze italiane. E poi l'ordinazione, regalo inimmaginabile di un Dio Padre-Madre che continua così a dimostrarmi il suo Amore! Durante la prima messa in San Giovanni a Busto dicevo che non me ne rendevo ancora conto e dopo più di un mese da quel giorno incredibile ancora la meraviglia è grande. Quando poi alzando il calice durante l'eucaristia mi vedo dentro vestito da 'prete'... beh, mi faccio un po' paura ed è tutto così sorprendente!!!

Gli ultimi giorni in Italia sono stato tenuto a letto da una lombalgia che mi ha complicato la vita non permettendomi di salutare alcuni amici... Sarà stato un po' il freddo a cui non ero più abituato, la stanchezza per 4 mesi vissuti a 1.000 all'ora, ma anche forse la tensione di partire di nuovo verso terre inesplorate ed esperienze nuove. Infatti purtroppo non mi abituerò mai a dover partire... mi dispiace proprio lasciare, staccarmi, non vedere e non poter più ridere insieme...

Beh, il viaggio di 13 ore per fare ritorno in terra africana è trascorso bene e il mattino seguente il mal di schiena era sparito, quasi per qualche miracolo africano o magia da 'sorcier'. E poi subito sotto a preparare la prima messa nella parrocchia Saint Gyavira (n.d.r vedi foto), dove ho lavorato per ben 2 anni, qui a Kin. Ho dovuto riprendere in mano il lingala che non avevo molto praticato durante le mie vacanze e rivedere tutta la celebrazione e preparare anche l'omelia, breve ma qualcosa dovevo pur dire!? Ed è andata a meraviglia, meglio del previsto: messa alle 7 del mattino in lingala fino alle 9 e 30, poi benedizione dei bambini e ancora messa in francese alle 10:30... un bagno di folla con gente che aveva preso posto già alle 6 del mattino, da panico! E' stata una grande festa per tutti: per me perché ho provato grandi emozioni a poter celebrare per tutti questi volti con cui ho condiviso momenti unici; per tutti loro che si sono sorpresi per il modo in cui ho celebrato senza aver troppo dimenticato il lingala e con dentro anche qualche canto per scaldare un po’ 'l'ambiance'... Poi discorsi, regali, scambi di mani e tante 'teste' da benedire alla fine della messa, tanto che mi venivano i crampi alle mani. Ma mica finisce lì la festa per i congolesi... primo pranzo per tutti i responsabili della parrocchia, poi scenette e spettacoli organizzati dai giovani della parrocchia (quanto ridere!?!), secondo pranzetto con la commissione dei giovani con cui ho collaborato alla grande per 2 anni di permanenza a Gyavira... e terzo pranzo (ormai alle 4 passate!) a casa di papà Kutaluka, un papà della parrocchia che è diventato praticamente il mio padrino africano. Non è mancata neanche la pioggia a benedire (come dicono qui in Africa) questa giornata stupenda... e di nuovo mi rituffo in quest'Africa così accogliente e gioiosa. Lunedì in serata ho fatto messa in scolasticato e non ti dico l'emozione a celebrare nella cappellina in cui ho pregato per ben 4 lunghi anni... come segno conclusivo ho chiesto anche agli scolastici di impormi le mani per benedire la mia vita e il nuovo viaggio da fare in un territorio e anche dentro di me.

Poi giornate fino ad oggi colme di visite e 'testate' (il modo congolese di accogliere e di salutare) con tanta gente che mi dimostra così il suo affetto e la sua amicizia. E mi preparo per partire, finalmente, per il nord: martedì alle sette di mattino, insieme a un altro comboniano, P. Lorenzo Farronato, il mio nuovo superiore a Rungu!

Cosa dire ancora... BUONA VITA a te e a tutti i tuoi cari... e che questo nostro pellegrinaggio

ci porti tutti a realizzare insieme il Sogno di Dio, separati da migliaia di chilometri ma uniti

da un solo amore per l'UOMO-DONNA...

...

un abbraccio quindi e, Buon Cammino!!!

Teo (devo ancora abituarmi a scrivere 'padre').

 

p. Matteo Merletto

Mission Catholique de Rungu

c/o Missionnaires Comboniens

B.P. 724 Kinshasa - Limete (R.D.CONGO)

 

PER SAPERNE DI PIU'

Nelle pagine del sito si trova

un bellissimo speciale sulla vita nella Repubblica democratica del Congo

e sulla forza del suo popolo.

Scritto da un giovane padre congolese.

 

 

 

Leggi le altre lettere

di p. Matteo

Mbote! Lettera di professione religiosa

Esperienza nella parrocchia di St. Gyavira

Questi auguri hanno fatto una lunga strada

Ciao fratello e sorella: Un anno da Dio!

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter