giovaniemissione.it

GIM Verona: Alzati e cammina

gennaio 2005

 

ALZATI E CAMMINA

 GIM Verona

gennaio 2005

 

cerca nel sito

Torna alla pagina Veglie e Preghiere
Torna alla pagina dei GIM

scrivi

Catechesi

Teologia della Missione

Sfide per crescere

Salmo 91
PREGHIERA NELLA GIOIA

Inno liturgico usato per la celebrazione del sabato. Esprime tutta la gioia di un giorno di festa e la contemplazione entusiasta di ciò che Dio sa fare per l’uomo.

È bello dar lode al Signore
e cantare al tuo nome, o Altissimo,

annunziare al mattino il tuo amore,
la tua fedeltà lungo la notte,
sull’arpa e dieci corde e sulla lira, con canti sulla cetra.

Poiché mi rallegri, Signore, con le tue meraviglie,
esulto per l’opera delle tue mani.
Come sono grandi le tue opere, Signore, quanto profondi i tuoi pensieri!

L’uomo insensato non intende e lo stolto non capisce:
se i peccatori germogliano come l’erba e fioriscono tutti i malfattori,
li attende una rovina eterna: ma tu sei l’eccelso per sempre, o Signore.

Ecco, i tuoi nemici, o Signore, ecco i tuoi nemici periranno,
saranno dispersi tutti i malfattori.
Tu mi doni la forza di un bufalo, mi cospargi di olio splendente.

I miei occhi disprezzeranno i miei nemici, e contro gli iniqui che mi assalgono
i miei orecchi udranno cose infauste.
Il giusto fiorirà come palma, crescerà come cedro del Libano;
piantati nella casa del Signore, fioriranno negli atri del nostro Dio.
Nella vecchiaia daranno ancora frutti, saranno vegeti e rigogliosi,
per annunziare quanto è retto il Signore:
mia roccia in lui non c’è ingiustizia.

Brano del Vangelo: Gv. 5, 1 - 18

Vi fu poi una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. C’è a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, una piscina, chiamata in ebraico Betzaetà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un gran numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Un angelo infatti in certi momenti discendeva nella piscina e agitava l’acqua; il primo ad entrarvi dopo l’agitazione dell’acqua guariva da qualsiasi malattia fosse affetto. Si trovava là un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù vedendolo disteso e, sapendo che da molto tempo stava così, gli disse: "Vuoi guarire?" Gli rispose il malato: "Signore, io non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, qualche altro scende prima di me". Gesù gli disse: "Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina". E sull’istante quell’uomo guarì e, preso il suo lettuccio, cominciò a camminare.

Quel giorno però era un sabato. Dissero dunque i Giudei all’uomo guarito: "È sabato e non ti è lecito prender su il tuo lettuccio". Ma egli rispose loro: "Colui che mi ha guarito mi ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina". Gli chiesero allora: "Chi è stato a dirti: Prendi il tuo lettuccio e cammina?". Ma colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; Gesù infatti si era allontanato, essendoci folla in quel luogo. Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: "Ecco che sei guarito; non peccare più, perché non ti abbia ad accadere qualcosa di peggio". Quell’uomo se ne andò e disse ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo. Per questo i Giudei cominciarono a perseguitare Gesù, perché faceva tali cose di sabato. Ma Gesù rispose loro: "Il Padre mio opera sempre e anch’io opero". Proprio per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo: perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio.

Testimonianza
(dal libro "Il silenzio dei vivi", Elisa Springer, Marsilio Editori, 1997)

Io ho vissuto per non dimenticare quella parte di me, rimasta nei lager, con i miei vent’anni.
Ho vissuto per difendere e raccontare l’odore dei morti che bruciavano nei crematori, per difendere la memoria di tutti i miei cari e di tanti innocenti, memoria che oggi si tenta ancora di infangare.
Ho vissuto per raccontare che le ferite del corpo si rimarginano col tempo, ma quelle dello spirito mai. Le mie sanguinano ancora.
Nostra è, ancora oggi, e sempre, la sofferenza di quel tempo, il nostro camminare avanti, fra mille difficoltà.
Abbiamo vissuto la degenerazione, la nostra “vita indegna”, ma siamo sopravvissuti, cercando di cancellare la nebbia e il buio dalla nostra mente.
I nostri figli, tutto questo lo hanno già compreso, lo portano nel cuore. La nostra sofferenza, il nostro disagio, il nostro bisogno di riscatto, sono diventati la loro eredità. I nostri figli soffrono il nostro passato.
I nostri figli soffrono, oggi, il nostro malessere, le nostre ansie, le nostre paure. Gli altri sappiano che dalle macerie della nostra esistenza, sono nati loro, i nostri figli, stelle che abbiamo seguito per tutta la vita, con tutte le forze e che rappresentavano il riscatto, la vita che continua, nonostante tutto, la storia che va raccontata, che loro devono raccontare.
Auschwitz ha rappresentato, per noi, il buio, le nostre stelle son servite a illuminarlo. A settantesette anni sono tornata ad Auschwitz-Birkenau.
È stata la rivincita della mia vita sulle miserie della morte.
Mi sono ritrovata libera di camminare in quel deserto di morte senza speranza,
libera di piangere la mia solitudine, appoggiandomi all’uomo che, mai, avrei sperato di conoscere: mio figlio.
Lui ha compreso il senso della mia esistenza: ho vissuto, per cinquant’anni, ad Auschwitz all’ombra del Camino.
Da cinquant’anni, una volta all’anno, ritorno a Vienna, raggiungo il Zentral Friedhof e mi fermo davanti a una scritta: “Richard Springer, nato 5.11.1879 - morto 28.12.1938, Buchenwald”.
Prego sulla tomba di mio padre, e depongo, ogni volta, una pietra: la pietra dell’amore e della vita.
Penso che un altro anno è passato ... Il tempo scandisce la distanza che mi separa dai miei cari, ricordandomi che prima ancora di morire ho avuto la fortuna di rinascere per vivere.
Da cinquant’anni, ogni anno, mi fermo davanti al portone della “mia casa”, in Strozzigaße, 32: non ho più il coraggio di entrare, ma piango.
È strano, ho la sensazione di non essermi mai allontanata, è come se fossi rimasta lì ad aspettare la mia vita, il mio domani.
Ripenso a quel quadro appeso all’ingresso: raffigura una strada, senza inizio né fine, in mezzo a un bosco di betulle.
Lì ho lasciato il mio Passato. Lì si è fermato il mio Presente ...
Il mio Domani, adesso, ha gli occhi di mio figlio ...!

LASCIA CHE I TUOI PASSI CORRANO ...

Quando stenti a tenere il passo nel cammino della vita...
spiega la vela, lascia che il vento la gonfi: il Soffio di Dio ti condurrà senza fatica
se solo ti manterrai saldo al timone.
Quando gridi verso di Lui dal fondo del tuo abisso, credi che egli ti ha già preceduto,
non c'è invocazione che vada perduta non c'è anelito che lui non conosca.
Egli ti ha già colmato d’amore.
E allora canta! Grida di gioia! E lascia che i tuoi passi
corrano ancora lesti sul sentiero della vita.
Là dove Egli ha già costellato di luce il tuo cammino.. e assaporerai una beatitudine infinita che darà pace al tuo cuore.
(Anonimo)

Condivisione, preghiere

Gesto, segno

BEATI NOI GIOVANI

Se avremo il coraggio dell'autenticità
quando falsità e compromesso sono
più comodi: la verità ci renderà liberi.

Se costruiremo la giovinezza
nel rispetto della vita e nell'attenzione
dell'uomo in un mondo malato d'egoismo:
daremo testimonianza di amore.

Se, in una società deturpata dall'odio
e dalla violenza, sapremo accogliere
e amare tutti, saremo costruttori
e artigiani della pace: "I giovani
e la pace camminano insieme".

Se sapremo rimboccarci le maniche
davanti al male, al dolore,
alla disperazione: saremo, come Maria,
presenza amica e discreta
che si dona gratuitamente
Se avremo coraggio
di dire in famiglia, nella scuola,
tra gli amici che Cristo è la certezza:
saremo sale della terra.

(Comunità di Taizè)

PADRE NOSTRO “DETTO” DA DIO

Figlio mio, che sei in terra
preoccupato, solitario e tentato;
conosco bene il tuo nome e lo pronuncio
santificandolo, perché ti amo.
Non sarai mai solo; io abito in te
e assieme spargeremo il regno
della vita che ti darò in eredità.
Ho piacere che faccia la mia volontà,
infatti io voglio la tua felicità.
Avrai il pane di ogni giorno,
non ti preoccupare; però io ti chiedo
di spartirlo con i tuoi fratelli.
Sappi che ti perdono tutti i peccati,
anche prima che tu li commetta,
ma ti chiedo che anche tu perdoni
a quelli che ti offendono.
E per non soccombere alla tentazione
afferra con tutta la tua forza
la mia mano e ti libererò dal male,
mio povero e caro figlio.

Torna alla pagina Veglie e Preghiere

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter