giovaniemissione.it

balconi-salva-gente.jpg

"Balconi salva-gente"

Appendendo un salvagente al proprio balcone, mostriamo a chiunque passi che la nostra famiglia, il nostro condominio, la nostra città, non vuole essere complice di questa barbarie inumana dei porti chiusi alle imbarcazioni umanitarie con a bordo migranti che fuggono da guerra e povertà

La campagna parte dall'idea di incentivare i piccoli gesti che ognuno può fare, dandogli nel contempo visibilità con l'ottica di "contarsi per contare". Attraverso il semplice gesto di appendere un salvagente al proprio balcone e la raccolta firme, strumento importante a cui è possibile aderire https://tinyurl.com/WEfirma, chiediamo all'Europa di cambiare le regole sull'accoglienza dei migranti .

Il testo della campagna di raccolta firme si basa su  tre punti, quali: 

1. I cittadini di tutta Europa vogliono supportare i rifugiati con programmi di sponsorship e offrire loro una casa sicura e una nuova vita. Vogliamo che la Commissione offra un sostegno diretto a gruppi locali e associazioni che aiutano i rifugiati beneficiari di un visto d'ingresso.

2. Nessuno dovrebbe essere perseguito o multato per aver offerto aiuto, assistenza o un rifugio a scopo umanitario. Vogliamo che la Commissione fermi quei governi che stanno criminalizzando i volontari.

3. Ogni individuo deve avere pieno accesso alla giustizia. Vogliamo che la Commissione garantisca procedure e norme più efficaci per difendere tutte le vittime di sfruttamento sul lavoro e delle reti criminali in tutta Europa e tutte le persone che hanno subito violazioni dei diritti umani alle nostre frontiere.

 

Facciamo massa critica!

In alcune città, come Siracusa e Bologna,  sono comparse lenzuola alle finestre con la scritta "Fateli scendere". A Bologna sono comparsi salvagenti appesi ai balconi.  Mostriamo a chiunque passi che la nostra famiglia, il nostro condominio, la nostra città, non vuole essere complice di questa barbarie inumana.
Partecipiamo ad ogni manifestazione di piazza a sostegno dei migranti, per la loro accoglienza. Diffondiamo idee di accoglenza, sfatiamo il mito dell'uomo nero, facciamo circolare i gesti di buona volontà della gente comune. Raccontiamo le storie dei migranti, il loro sentimenti, diamo loro nomi e volti ridandogli così umanità. Cerchiamo insomma di contrastare questa sottocultura che si sta diffondendo tra le persone deboli che vedono nel diverso una minaccia anzichè una ricchezza.

 

Nadia

 

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter