giovaniemissione.it

Lettera di Natale di padre Dario Bossi, missionario comboniano in Brasile; un ultimo saluto a dom Paulo Evaristo Arns, il cardinale dei diritti umani.

In fila, aspettando Natale

dom-paulo.jpg

Non mi é mai piaciuto fare la fila.

Dá una sensazione di perdita di tempo, mancanza di rispetto e umiliazione di chi, per una qualsiasi necessitá, deve sottomettersi alla disorganizzazione o al disinteresse dell’istituzione o dell’impresa di turno.

 

La nostra gente sembra che si sia abituata alle file. Ma si perde l’individualitá, il volto e la storia di ognuno. Siamo utenti, clienti, lista anonima di gente, in cicli di vita e consumo urbano che ci spersonalizzano.

 

Ogni piccola comunitá, di fede o di resistenza (che alla fine è la stessa cosa) è un tentativo di sostituire la fila con il circolo, nella pratica della celebrazione, dell’ascolto reciproco e della solidarietá con gli ultimi.

 

Nei giorni scorsi, peró, ho voluto entrare in una fila, e l’ho assaporata passo dopo passo. Era la fila dell’ultimo saluto a dom Paulo Evaristo Arns.

Il cardinale dei diritti umani, difensore di molte persone perseguitate dalla dittatura militare, povero con i poveri, ha tradotto la teologia della liberazione in opzione per le periferie e le pastorali sociali.

 

È morto dopo 95 anni di vita appassionata, lucido e vigilante fino alla fine in difesa della democrazia e dei piccoli.

 

Il suo corpo riceveva l’omaggio di tutti nella Cattedrale, la fila cominciava dal fondo della piazza ed arrivava pian piano fino all’altare. Una fila in cui tutti erano uguali: alcuni in giacca e cravatta, ma molte piú persone semplici. Si potevano immaginare le ferite della vita che alcuni di loro caricavano, e la riconoscenza per l’esistenza di una persona che li aveva fatti sentire protetti e valorizzati. “Noi esistiamo”, sembrava gridare quella moltitudine; occupando la cattedrale, si facevano appello, profezia ed anelito per una Chiesa realmente dei poveri e in uscita.

 

Nella fila c’era anche un signore, afrodiscendente, curvato per gli anni, con una giacca di velluto marrone elegante nella sua semplicitá, in attesa del suo omaggio a dom Paulo.

Si faceva aiutare nel cammino da due giovani, probabilmente suoi nipoti, uno a sinistra e l’altra a destra. Immaginavo il carico di storia che quest’uomo portava sulle spalle… Come è bello vedere due anziani che si incontrano, recuperando memorie di dignitá e di vita. E sperare che questa storia si trasmetta ai piú giovani, nella fila senza fine delle generazioni.

 

Anch’io sono entrato in fila umilmente, chiedendo la saggezza, la passione e lo Spirito di dom Paulo. Questa lunga linea di gente che attraversava la piazza principale di São Paulo mostrava quanto abbiamo bisogno di testimoni ispiratori, coerenti e degni. In un momento politico di mediocritá, in un contesto culturale di precarietá, di scelte volatili e valori temporanei, quest’uomo piccolo di statura ma grande nell’animo è stato seminato come una radice al centro della cittá.

 

Mettersi in fila, in questo caso, è stato preparare un incontro, andare insieme nella direzione di una luce. È una bella immagine della preparazione del Natale, è ció che auguro ad ogni amico e amica che cammina con me.

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter