giovaniemissione.it

In mezzo alla precarieta` della vita... Promuoviamo la vita

fr. Claudio Parotti

IN MEZZO ALLA PRECARIETÁ DELLA VITA.... PROMUOVIAMO LA VITA

 Tumaco, metá ottobre 2008

Carissimi amici, amiche e parenti,

dopo piú di due mesi vissuti con grande intensità, mi rifaccio vivo compartiendo ció che stiamo vivendo e percependo, chiedendo comprensione alle decine di persone che mi hanno inviato e-mails a cui risponderó con calma!!

Durante il mese di settembre, in mezzo agli impegni e servizi già programmati, ho trascorso tutti i lunedì e martedì in due villaggi diversi Bajito Vaqueria e Rompido.

Il primo è quello in cui avevo condiviso la settimana santa. A Rompido l’accompagnamento è incominciato in modo originale; il professore Marcos continuava ad invitarmi a visitare quel villaggio, quando accettai mi portarono in canoa e la gente era contenta, mi dissero che che non si ricordavano la data dell’ultima messa celebrata lì (sembra 11/12 anni), né l’ultima presenza di un prete o di un catechista. Chiesi se avevano l’intenzione di concludere tutto con la celebrazione di alcuni Battesimi o se avevano desiderio di camminare come Popolo di Dio mantendo contatti frequenti (nei limiti del possible) con la parroquia. Rompido non apparteneva al territorio della parrochia, così con padre Gordon abbiamo informato il vescovo del desiderio della gente di camminare ed il nostro di accompagnarli, mons. Gustavo ci rispose che era contento di questa novitá.

Ovviamente per noi importante é la persona nella sua totalitá, così nella preparazione ai sacramenti occupano una parte centrale è la condivisione di valori che promuovono la Vita.

Per esempio, uno de requisiti per poter battezzare un bimbo o una bambina è una fotocopia leggebile del certificato di nascita, tutto questo implica che prima del battesimo bisogna andare nell’ufficio Anagrafe a registrare il bimbo con tutti i diritti, doveri e benfici che ne derivano. A Rompido il 29 settembre con p. Gordon abbiama celebrato 17 battesimi, lunedì 1 settembre era la data in cui io accoglievo tutte le iscrizioni, nessuno mi disse nulla, però una volta ritornato a casa mi sono accorto che 9 bambini (su 17), erano stati registrati all’Anagrafe la settimana precedente..... adesso esistono anche per lo stato colombiano!!!

Dal 1° di ottobre abbiamo aperto (come Missionari comboniani e parrocchia “La Resurrecciòn”) ufficialmente la CAMPAÑA POR LA VIDA, ovvero, LA CAMPAGÑA PER LA VITA.

In una realtá sempre più complessa, in cui la Vita é sempre più precaria (è aumentato il numero di omicidi), da alcuni mesi abbiamo pensato e progettato di lanciare una campagna durante gli ultimi tre mesi dell’anno.

La campagna si sta sviluppando a vari livelli e come tutti i cammini di Vita non é possibile calcolare nei dettagli risultati e benfici, siamo nella spiritualitá e nella prassi del seminare gratuitamente, altri poi, eventualmente, raccoglieranno!!

In questa prima fase abbiamo convocato uomini, donne, giovani ed adolescenti disposti ad essere “Misioneros de la VIDA”.

Visitiamo casa per casa proponendo l’adesione alla CAMPAÑA POR LA VIDA, consegnando un volantino che  spiega la campagna, una preghiera (ecumenica) per la famiglia, un foglio che scrive il parroco a tutte le famiglie con informazioni sulla vita della comunitá parrocchiale ed un adesivo che si appiccica sopra la porta d’ingresso con la scritta “la VIDA en esta casa se la respeta” e la scritta del Vangelo di Giovanni 10,10 “son venuto perché abbiate Vita e Vita in pienezza”. Tutti i “Misioneros de la VIDA” (un centinaio) hanno una maglietta blu con la scritta “Misioneros de la VIDA” e Gv 10.10. Non ci lamentiamo dell’accoglienza ricevuta, qualche famiglia protestante ha accettato esclusivamente la preghiera per la famiglia, ma è un buo segno.

Abbiamo appeso fuori della struttura della piccola chiesa tre striscioni con la scritta “RESPETEMOS LA VIDA”, cosí come stiamo collocando nei vari quartieri una bandiera verde con scritto “RESPETE LA VIDA”.

A Radio Mira, radio diocesana, abbiamo registrato due messaggi (di 15 e 30 secondi) che trasmettiamo in tre radio differenti per 5-6 volte al giorno.

Abbiamo anche una proposta per le scuole. Partendo da una storia vera di un giovane a cui hanno ucciso la sorella ed il papá e decide di non vendicarsi, e dal racconto biblico di Caino ed Abele; ogni studente scrive o di disegna un messaggio. Premiamo il miglior messaggio e disegno con un CD con 20 “cantos de Vida” ed una maglietta verde con scritto “voglio Vita in abbondanza”.

 La CAMPAÑA POR LA VIDA continua in novembre e dicembre con la proposta di fomentare piccoli gruppi di preghiera biblica nei quartieri.

Tutti i venerdí sera proiettiamo video che propongano valori che promuovono la Vita.

C’é poi una gratuitá che accogliamo a braccia aperte, 4 medici sapendo della CAMPAÑA POR LA VIDA ci hanno proposto alcune ore di visita medica gratis che proporremo agli ammalati che stiamo accompagnando come parrocchia.

La CAMPAÑA POR LA VIDA coinvolge anche persone che vivono in altre parrocchie che adesso ci chiedono materiale (disgraziatamente in tutta la diocesi di Tumaco la violenza e la precarietá della Vita sono fenomeni costanti).

Anche il CD con 20 “cantos de Vida” a metá prezzo è stato azzeccato, infatti non è strano camminare per i quartieri della parrocchia ed ascoltare i canti del CD. Qui la musica, indiscutibilmente, è un gran mezzo di comunicazione.

In tutte le iniziative della parrocchia “La Resurrecciònla CAMPAÑA POR LA VIDA dovrá essere trasversale, abbiamo il dovere di seminare Speranza fomentando un contesto che aiuti la gente a promuovere la Vita dentro e fuori la famiglia. Non desideriamo essere ingenui, sappiamo che con una campagna di 3 mesi non risolveremo molto, ma siamo convinti “el camino se abre al andar”.

Vi abbraccio e vi ricordo nella preghiera.

Fratel Claudio P.

Email: hermanoclaudio@gmail.com

 

 

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter