giovaniemissione.it

Il primo incontro GIM svoltosi a Casavatore in compagnia della Parola di Marco, ci ha portato ad interrogarci sul nostro ruolo di cristiani e sulla missione a cui Dio chiama ognuno di noi.

In piedi, si riparte!

GIM Casavatore
Il 14 Ottobre si è svolto a Casavatore il primo incontro del cammino Gim dal tema “in piedi”, con i gruppi di Napoli e Casavatore insieme. Come in ogni primo incontro ci siamo presentati tutti, tra facce nuove e gli “storici” del gruppo e abbiamo iniziato subito con la preghiera e la catechesi di Padre Alex Zanotelli.
Quest’anno il cammino Gim è accompagnato dal vangelo di Marco e in questo primo incontro abbiamo letto il brano dove sono descritti Il battesimo di Gesù e le tentazioni. Il battesimo in Marco è il simbolo della chiamata, della missione alla quale Gesù risponde, si fa servo e cammina con noi, soprattutto con gli impoveriti della storia. Lo Spirito Santo che in Marco è rappresentato dalla colomba scende proprio su chi riceve questa missione, su Gesù, e gli dà il coraggio, la forza di andare avanti.  Il passo termina con le tentazioni che mettono alla prova Gesù nel deserto e in particolare con la frase:  “Gesù stava con le bestie selvatiche e gli angeli che lo servivano”. Gesù resiste alla tentazione di lasciar perdere, alla tentazione del potere e della fama per diventare un uomo nuovo, un nuovo Adamo che cammina con il suo popolo.
Al termine della catechesi come di consueto padre Alex ci ha posto delle domande che ci hanno veramente messo in crisi: a cosa ti senti chiamato? Dove ti spinge lo spirito? Quali sono le tue tentazioni? 
Nel momento del deserto e della condivisione sono venuti fuori tutti i dubbi e abbiamo condiviso anche l'inquietudine e il fatto di non sentirci all'altezza della missione, della chiamata. Dopo il pranzo organizzato dalla nostra insostituibile Felicetta c'è stato un momento di condivisione e verifica delle varie esperienze estive, quali: il campi biblico alla Sanità ed il campo a  Riace, le esperienze scout di servizio al Cottolengo e quelle di impegno a livello locale. La partecipazione e il confronto sono stati l'occasione per sentirci ancora più uniti nel cammino con Cristo. Inoltre vi è stata come sempre l'attualizzazione della parola accompagnati dall'esperienza di Don Tonino Bello che nel discorso pronunciato nell'arena di Verona esortava dicendo: "In piedi, allora, costruttori di pace. Non abbiate paura!". Attraverso don Tonino Bello e altre figure missonarie significative che si ricordano nel mese di ottobre e che abbiamo preso come riferimento durante l'eucarestia, ricordando: Analena Tonelli (assassinata il 5ottobre 2003), San Oscar Romero (santificato insieme a Papa Paolo VI proprio il giorno dell'incontro gim) e San Daniele Comboni (la cui festa stata il 10 ottobre); abbiamo capito che seguire Cristo è possibile!
Per noi cristiani è doveroso schierarsi dalla parte degli ultimi in questo periodo di barbarie soprattutto nei confronti dei nostri fratelli migranti, per non essere dei cristiani “tiepidi” ma cristiani veri che lottano per il bene comune.
 
I ragazzi del Gim di Napoli e Casavatore

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter