giovaniemissione.it

Ernesto Olivero

Io ho un sogno… LO SVILUPPO DELLA COMUNITÀ
Ernesto Olivero

 

Ha fatto visita alla all’Istituto Fantoni nel 1994; nel mese di febbraio ha fatto visita a Bergamo in occasione della pubblicazione del suo ultimo libro “Il lungo cammino verso Dio”

Nasce nel 1940 a Torino, sposato, con figli, lascia il lavoro come impiegato di banca

nel 1964 fonda il SERMIG

con il sogno di combattere ed eliminare la fame e le grandi ingiustizie del mondo.

SER. MI. G. (SERVIZIO MISSIONARIO GIOVANILE)

attorno al Sermig si è radunato un movimento internazionale di uomini impegnati nella ricerca della pace, della giustizia, della solidarietà, del bene comune.

Sono tanti i giovani che hanno dato la vita per questo ideale:

in 35 anni il Sermig ha realizzato

oltre 1000 progetti di sviluppo

in 68 paesi poveri

Lavora a favore del Terzo Mondo e vive a contatto con i carcerati;

nel 1983 riceve in affido dal comune di Torino l’antico Arsenale militare (20.000 mq)…

L’ARSENALE DELLA GUERRA

diventa ARSENALE DELLA PACE:

all’Arsenale di Pace di Torino è attivo un servizio di accoglienza notturna e di assistenza medica, oltre a numerose attività di taglio culturale ed educativo.

SER.MI.G Arsenale della Pace.

Piazza Borgo Dora, 61

TORINO

www.sermig.org

Nel 1987 riceve la Targa d’Oro Europea per la Pace per la sua sconfinata attività in Vietnam, Sahel, Angola, Guatemala, Turchia, Messico, Afghanistan, Salvador, Polonia, Libano, Iraq, Brasile

Nel 1994 viene candidato al Premio Nobel per la Pace.

“La bontà è disarmante; anche in un “poco di buono” c’è del buono” (E. Olivero)

“La bontà è disarmante; anche in un “poco di buono” c’è del buono”

 

Domande e fraternità

 

“Come posso capire

da dove partono i fiumi?

Chi può con sapienza calcolare le nubi?

Ha forse un padre la pioggia?

Per quale via

si espande la luce

e dove porta il vento

d’oriente?”.

Se vivo di domande

consumerò tutto il tempo

della mia vita

a seminare vento

e a raccogliere tempesta,

a guardare le stelle

a contarle e ricontarle.

Se i miei dubbi

diventano fiducia se accetterò l’incontro con l’amico

allora la mia vita

incontrerà l’amore

e potrò asciugare le lacrime

incoraggiare gli sfiduciati

soccorrere i bisognosi.

 

Non uccidere il tuo fratello

 

Non uccide solo la violenza dei terroristi…

uccide chi “strozzina” il povero…

chi prende milioni per guarire un malato

o per risolvere una causa giudiziaria…

Uccide chi procura aborto

e non difende la vita del più debole…

Uccide chi consuma troppo impedendo ad altri di avere il necessario per vivere

o investendo le proprie ricchezze in opere di morte

anziché a favore della vita.

Uccide chi giudica la ragazza madre,

uccide chi inquina impedendo la vita al domani.

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter