giovaniemissione.it

COMUNICATO DI PADRE FILIPPO IVARDI DAL CIAD

Carissimi abbiamo davvero bisogno della vostra preghiera e amicizia.... il paese sta vivendo una tensione crescente in attesa dei risultati elettorali..questa sera e' venuto a trovarmi il responsabile della nostra comunita di Biltine che sta fuggendo a sud...ha denunciato i brogli elettorali a Biltine e sono venuti a cercarlo dalla capitale per farlo fuori...ora ha cambiato numero di telefono e fugge per nascondersi al sud...sua moglie e i bambini si rifugeranno da noi....ieri notte un attivista dei diritti umani e' stato rapito e torturato a Mongo per aver denunciato i brogli...in capitale il presidente della Ceni si e' rifugiato all ambasciata francese perche minacciato....un gruppo di ribelli ciadiani in Libia ha annunciato oggi alla radio di fare irruzione con una ribellione se il presidente vince le elezioni...il principale oppositore Saleh Kebzabo e' circondato da militari nella sua casa di N Djamena...ci sono militari dappertutto...la nostra gente ha paura e alcuni partono per rifuguarsi a sud...intanto i vescovi tacciono...stiamo facendo pressione perche diano un messaggio al paese...

Non lasciateci soli...i risultati delle elezioni dovrebbero uscire tra una settimana...ci affidiamo al Dio della vita...proviamo a non aver paura ma non e' facile...che Dio ci dia il coraggio di stare in modo nonviolento dalla parte del popolo, della verita e della giustizia...ovviamente in Europa non si dice niente...ma non aspettiamo il sangue per far parlare il Ciad

Si questa volta siamo preoccupati...da sette anni che sono in Africa non avevo mai vissuto un periodo cosi....ieri nell omelia ho raccontato dei nostri giovani impegnati in politica minacciati e costretti a scappare...sabato ci saranno i risultati e si prevedono scontri nel paese...abbiamo una riunione a sud proprio lunedi con tutti i confratelli per il capitolo ma domani mattina riunione urgente di comunita per decidere cosa fare...ci stiamo orientando a non andare per restare qui al fianco della nostra gente...in caso di disordini qui la missione e' il solo luogo dove possono rifugiarsi...grazie a Dio in comunita siamo molto uniti e riusciamo a scherzarci sopra ma sembra che ancora una volta stiano truccando i risultati e sta volta la gente in tutto il paese e' pronta a scendere in strada...abbiamo scritto ai vescovi che hanno raccolto il nostro messaggio con tanto di appello ad una loro dichiarazione...speriamo che si facciano sentire e invitino tutti alla nonviolenza...ma c' e' chi parla di rischio guerra civile...speriamo davvero nella pace e nella verita...affidiamoci...

La vostra incessante preghiera ci sostiene nel cammino...molto probabilmente ci staccheranno internet e telefoni a partire da venerdi o sabato come fanno quando ci sono disordini...allora mi faro sentire non appena possibile...siamo nelle sue mani

Un forte abbraccio nel Signore

Filo

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter