giovaniemissione.it

Natale 2004 in Sudan

di p. Giovanni Ferracin dal Sudan

Natale 2004 in

Sudan

 

cerca nel sito

torna alle pagina lettere dalle Missioni

scrivi

TESTIMONI DELLA CARITA'

PROVOCAZIONI DI P.ALEX 

 

Carissimi,

 Buon Natale. Sento che è un augurio molto grande e molto necessario per tutti noi.

Qui in Sudan sono quasi tre anni che si dice che la PACE e' alle porte ... "forse il prossimo mese ... si firmerà l'accordo", si continua a dire. Invece sono passati tanti mesi. Ora ci hanno assicurato che senz'altro l'accordo sarà concluso e firmato prima della fine dell'anno?!

Tutti speriamo che sia il 2004. Le difficoltà per un accordo sono ancora molte e gli interessi molto contrastanti, per non dire opposti.

 Non solo, ma ora ci si trova di fronte ad un altro focolaio di guerra con conseguenze drammatiche, forse più gravi della guerra precedente: il Darfur. La gente, prima tanto entusiasta, comincia a dubitare, perde la fiducia e dice: "la Pace può ancora venire?".

 Questo e' il Sudan oggi; ma le cose non sono migliori altrove ... Le notizie le conosciamo tutti. Vorrei piuttosto riflettere partendo proprio dal Natale.

Tutto quello che succede, sotto forme diverse, non è una constatazione dolorosa che non siamo capaci di vivere come "Figli/e di Dio"? Anzi ci troviamo in una contraddizione profonda. La Parola di Dio ci assicura che siamo stati voluti, direi, inventati con una identità e vocazione ben chiara: "essere figli/e che rivelano l'Amore stupendo del Padre e la capacità di condividere nella gioia tutto quello che il Padre ci ha offerto come dono comune. Invece, il possesso, la ricerca egoista e la voglia di dominio sugli altri, che rivela una grande paura di non essere amati e ci rende profondamente incapaci di amore, ci acceca e ci mette gli uni contro gli altri, fino ad arrivare alla pazzia di investire enormi risorse umane in armi e strumenti terribili di morte. Non e' forse giunto il momento di riflettere, e di rientrare seriamente in noi stessi per cambiare totalmente rotta e "tornare decisamente al Casa del Padre"?

 Con questo stupendo tempo dell'anno, Avvento e Natale, è Dio stesso che ci viene incontro e ci chiama a riassumere la nostra vera dignità: "Siete Figli/e". E’ l'unica via per diventare grandi come Dio. Per questo ci chiama ancora una volta a fermarci davanti all'avvenimento unico in tutta la storia umana: al Figlio di Dio, l'Amato di Dio, che, in Maria nostra sorella, si e' fatto Figlio dell'uomo. La cosa più impossibile e' diventata realtà: la Divinità ha sposato l'Umanità. Solo l'Amore di Dio, lo Spirito Santo, poteva rendere possibile questo sposalizio da cui e' venuto Gesù Cristo, nato in mezzo a noi per ricordarci che tutti siamo stati creati per diventare come Lui, capaci, nel suo Spirito di Figlio, di vivere come lui e di riconoscerci veramente fratelli e sorelle universali, verso tutti, anche verso quelli che sembrano molto diversi da noi.

Daniele Comboni, 150 anni fa, si esprimeva cosi:

"Il cristiano non guarda all'Africa attraverso il miserabile prima di interessi umani, ma alla pura luce della fede che viene dall'Alto. Là vi scorge una miriade infinita di fratelli appartenenti alla sua stessa famiglia, aventi un comune Padre su in cielo... E trasportato da un impeto di quella stessa carità uscita dal costato di un Crocifisso ... sente battere più forte il suo cuore; si sente spinto a quelle terre lontane per stringere tra le braccia e dare il bacio di pace e di amore a quei fratelli e sorelle che ancora non riescono a rendersi conto che sono sotto una così grande benedizione e buona notizia". 

Penso che il Natale ha senso ed è, per noi che lo celebriamo, una grande benedizione, se ci ritroviamo riportati in modo nuovo "nella Casa del Padre, nella Casa della Festa" molto più Figli/e di prima, molto più fratelli e sorelle di prima. Allora la Pace sarà la nostra casa.

 E' il mio augurio a tutti voi dal Sudan, unito ad un grande grazie per il ricordo che avete per me nella preghiera e per l'aiuto fraterno che condividete con i nostri fratelli e sorelle di questa terra al centro dell'Africa.

 Ciao e un 2005 di benedizione.

 

 p. Giovanni Ferracin

 Comboni College

 P. O. Box 114,

 Khartoum - Sudan Natale 2004

 

Testimonianze e approfondimenti sulla realtà sudanese

 

 

 

 

Lettera di Fratel Damiano: "Andiamo insieme in Missione"

 

 

 

 

Lettera di Padre John 

 

 

 

 

Altre lettere dal continente africano

 

 

 

 

Lettere dalle Missioni di tutti i continenti

torna alle pagina lettere dalle Missioni

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter