giovaniemissione.it

suor-lorena-ortiz---intestazione.png

Sud Sudan, Amico mio

Condivisione di suor Lorena Ortiz sul Sud Sudan

Sud Sudan, amico caro,

volti di amici, sorelle e bambini

umanità multi tribale

armoniosa come l’arcobaleno

popolo di radici profonde

immerse nella memoria dei tempi

sacralità degli antenati

spiriti presenti sempre e ovunque

trama d’intrecci sempre nuovi

 

La luna ti ha visto danzare nella notte

Il tuo riso ha rallegrato le stelle,

al suono dei tamburi è esplosa la tua gioia

amante della vita,

madre di numerosi figli,

che vivi il presente e basta!  

 

Le tue storie sono storie di guerre,

di nascite e di morti,

di vittorie e di sconfitte,

di migrazioni infinite … e tu,

resistente come una donna

disposto sempre a ricominciare,

a passare ogni fuoco

a riprendere il cammino

ad abbracciare il dolore

e a lottare ancora.  

 

Ti ho visto fuggire

popolo di triste figura,

il tuo passo stanco, il tuo sguardo vuoto,

nessuno ascoltò il tuo silenzioso addio

lasciasti la tua terra abbandonata e sola

camminasti sotto il sole di giorno

e ti addormentasti sotto le stelle,

hai visto il mattino nascere ancora,

e ti sei rialzato,

tra foreste e montagne

hai fatto sentieri in terra straniera.  

 

Ricominci da quello che trovi,

compagno il silenzio,

un altro giorno è tramontato,

la notte scende profonda

e ti abbandoni ai tuoi sogni di libertà

tra la mezza notte e l’alba …

ecco un mondo sconosciuto,

ed è inizio ancora.

Sud Sudan, popolo giovane

Dove sono i tuoi germogli?

Perché tacciono davanti al tiranno?

Dov’e la gioventù uscita dal tuo grembo?

Dove i sognatori di una storia nuova?

Perché tanto silenzio?

Perché questa passività?

Forse la paura ha nascosto i tuoi sogni?  

 

Apriti popolo amico,

alzati, il futuro è nelle tue mani

osa una storia diversa,

canta canti di liberazione,

danza per la libertà

solleva la testa e guarda lontano,

l’orizzonte è ancora lì

esprimi la tua forza nuova

una forza disarmata perché questa è la TUA Ora.  

 

Ecco la storia antica finire:

anni di guerre spezzarsi,

violenza e stupri non più

no migrazioni forzate,

Senti il tuo sangue giovane fluire nelle tue vene

Alzati e costruisci un tempo nuovo

Perché il vecchio è terminato.  

 

Di che il vento di un nuovo mattino

già sussurra messaggi di speranza,

Senti Il canto degli uccelli che annuncia primavera,

Ma non ci sarà speranza,

non ci sarà un nuovo canto

non ci sarà primavera,

senza che tu ti rialzi,

ti risvegli, ti sporchi le mani,

perché questa è la tua ora.  

 

Non nascerà un nuovo tempo

senza che tu forzi l’aurora,

senza che tu rompa le catene di guerre ripetute

Allora la diversità sarà la tua audacia

la tua resistenza, la coscienza

di essere UN SOLO POPOLO

Amico mio, alzati e combatti la tua battaglia

Lotta con la forza dell’amore!      

 

Sr. Lorena Ortiz  

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter