giovaniemissione.it

Cammino di Discernimento GIM2 - Chiamati

GIM2 Padova - Ottobre 2006

 

CHIAMATI

 Viviamo questo primo incontro GIM all’insegna delle icone, quadri dell’arte russa particolarmente caratteristici perché guardandoli e pregandoli, ci aiutano ad aprirci a Dio e a contemplarLo.

1.  Icona dell’ebreo

2. Duplice Icona dello sguardo

 

1.  Icona dell’ebreo

     Sogno, desiderio e impegno di ogni ebreo era quello di andare, almeno una volta l’anno nella città santa, Gerusalemme, e pregare nel tempio Santo.

            Il pellegrino si rivelava essere:

    à in cammino (verso il Tempio)

    à in salita (gradino dopo gradino)

    à insieme al popolo  (e mai da solo)

    à in preghiera  (col cuore e la mente orientati a Dio)

    à incontro a Dio (perché questa era la meta del pellegrinaggio). 

Riprendiamo il cammino GIM come il pellegrino ebreo, vivendo tutti i suoi atteggiamenti... ed altri ancora, sentendoci anche noi pellegrini, in viaggio, orientati a Dio, in comunione con il mondo intero, testimone di un “Dio – Amore-Solidarietà”. 
 
 Su Gesù ... e Lui su di te (Gv. 1, 35-39) 
 

2. Duplice Icona dello sguardo

                                                                               Sull’umanità

    • 1.- Sto iniziando questo cammino di discernimento. Ogni inizio è un partire, rompere, decidersi. Verso dove? Da chi? Per che cosa?

CONTESTO AL TESTO

Siamo all`inizio del vangelo di Marco. Dopo il Battesimo nel Giordano e l`esperienza nel deserto, Gesù inizia la sua vita pubblica con un`annuncio essenziale, che Marco presenta in 4 punti (v.15): è maturato ormai il tempo della salvezza e il regno  di Dio è alle porte; è tempo di convertirsi e di credere a questa buona notizia.

IL TESTO E NOI:  Mc1,14-20

14]Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: [15]«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo».[16]Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. [17]Gesù disse loro: «Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini». [18]E subito, lasciate le reti, lo seguirono. [19]Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. [20]Li chiamò

La storia della salvezza continua, non la blocca nemmeno un evento così violento come l'arresto di Giovanni; Gesù si trasferisce nelle periferie della “Galilea delle genti”. Il messaggio della Buona Notizia è di fortissima accentuazione sul presente (“il tempo è compiuto”), sul futuro immediato (“il regno di Dio è vicino”) e sulla necessità del cambio di rotta (“convertitevi e credete al Vangelo”).

    “Convertitevi e credete al Vangelo”

Convertirsi è un`invito ad un vero e proprio capovolgimento di mentalità. Non soltanto un capovolgimento nel modo corrente di organizzare la vita, ma anche e più profondamente, un capovolgimento teologico, cioè nel modo di pensare il Messia, la salvezza, la manifestazione di Dio.   È necessario riconoscersi bisognosi, ovvero finiti, per poter incontrare a Gesù; altrimenti si è così indipendenti da essere estranei anche a se stessi. Se sai già tutto e se sei già sazio, quindi sano completamente, non partecipare al 2°GIM. Se invece sei desideroso di crescere, se sei inquieto e vuoi comprendere i sogni che il Signore ha posto in te allora buttati senza risparmi al 2°GIM, assumilo come priorità dell’anno!!!

    • 1.-Oggi assaporiamo l'entusiasmo iniziale dei discepoli, come del resto noi che incominciamo il GIM2, però poi... i discepoli dovranno rinnovare la loro fiducia in Dio; come mi predispongo a questo nuovo cammino?

Non c'è più tempo da perdere!!! È tempo di contribuire con la propria vita alla costruzione di un mondo profondamente più umano e più fraterno. Il regno di Dio è vicino, ormai è imminente, ma la traduzione il regno di Dio è prossimo manifesta come il “mio prossimo” già sia regno di Dio; non potrò più giustificarmi, poiché il regno è già alla mia portata.

Per Gesù l'urgenza della conversione è condizione non negoziabile per poter accogliere il messaggio di Vita della Buona Notizia e per ripartire con sempre maggior slancio in mezzo al popolo nella preparazione del Regno.

   “Passando lungo il mare della Galilea…”

   Gesù è sempre in cammino; è Lui che va incontro a Simone e Andrea. Li incontra”mentre gettavano le reti al mare…”Gesù chiama i discepoli mentre stanno lavorando, nella loro quotidianità! È inutile aspettare il momento  eccezionale in cui Gesù passa e mi chiama! 

    • 2.-E allora domandiamoci: Abbiamo veramente il desiderio di questo incontro?
 
 

    “Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini”.

Può apparire come una frase misteriosa, invece non c'è niente di più entusiasmante che iniziare un cammino come quello del GIM2 con un appello del genere.

Gesù è anche un ottimo pedagogo: chiama Andrea e Simone dalla loro realtà personale di pescatori e, a partire da lì, li esorta con decisione a vivere la dimensione del servizio completo dell'umanità.

C'è un enorme rispetto per ciò che è la persona ed una gradualità di cammini di crescita

Nel racconto della chiamata dei primi discepoli ci sono alcune cosa che vanno sottolineate. La prima è che l`iniziativa è totalmente dalla parte di Gesù: vide, disse, li chiamò. L`iniziativa è sua, e il suo appello è gratuito.

Il secondo tratto è che la chiamata di Gesù comporta un distacco talmente radicale e profondo che l`evangelista parla di abbandono del padre e del lavoro. Abbandonare il mestiere e la famiglia è come sradicarsi.

Un terzo tratto che pure appartiene all`essenza della sequela, è l`urgenza della risposta: “e subito lasciate le reti lo seguirono.

Un quarto tratto essenziale è indicato dal verbo “seguire”. Anziché dire che il discepolo è chiamato a imparare, il vangelo dice che è chiamato a seguire. È una specie di anomalia sulla quale si riflette poco. Il verbo, che abitualmente si accompagna alla parola discepolo, è imparare. Usando, invece, il verbo seguire, il vangelo sottolinea che al primo posto non è una dottrina, ma un modo di vivere.

E infine, nel quadro dei tratti già sottolineati, si inserisce una prospettiva sul futuro: “vi farò pescatori di uomini”.La sequela evangelica non è mai una chiamata a star fermi, ma a camminare. La chiamata evangelica è un invito a uscire, ad andare verso l`universalità e la missione! 

  • 3.- “Il regno di Dio è vicino”, ecco il messaggio centrale della Buona Notizia secondo Marco e la sua comunità: cosa vuol dire per me che il regno di Dio è alla mia portata e che quindi il “tempo è compiuto”?
 

Siamo chiamati a dare il meglio di noi stessi e a “vivere al massimo”. 

 

 

 

Se non potete essere un pino sulla vetta del monte,

siate una scopa nella valle, ma siate la migliore scopa…

Se non potete essere una via maestra,

siate un sentiero…

se non potete essere il sole,

siate una stella.

Siate il meglio di qualunque cosa siete”.

 

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter