giovaniemissione.it

Maggio 2016: PRENDI IL LARGO! Luca 5, 1-11

OrmeGiovani Nigrizia - padre Diego dalle Carbonare

PRENDI IL LARGO!

Luca 5, 1-11

1 Un giorno, mentre, levato in piedi, stava presso il lago di Genèsaret 2 e la folla gli faceva ressa intorno per ascoltare la parola di Dio, vide due barche ormeggiate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. 3 Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedutosi, si mise ad ammaestrare le folle dalla barca. 4 Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e calate le reti per la pesca». 5 Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». 6 E avendolo fatto, presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano. 7 Allora fecero cenno ai compagni dell'altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche al punto che quasi affondavano. 8 Al veder questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me che sono un peccatore». 9 Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; 10 così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d'ora in poi sarai pescatore di uomini». 11 Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono. 

 

Riflessione a singhiozzo su Luca 5, 1-11  

Sembra che Luca sia l’unico evangelista a parlare di un “lago”. Gli altri evangelisti parlano sempre del “mare” di Galilea. E in effetti l’antico testamento non conosce due parole diverse, ma chiama mare entrambi. La cosa è curiosa perché anche in arabo i due termini si confondono, soprattutto nell’arabo parlato. Forse è proprio di chi vive nell’arido Medio-Oriente il non far tanta distinzione fra la massa di acqua salata e quella d’acqua dolce. Per il popolo di YHWH il mare è sempre stato un simbolo di morte, di pericolo. Qualcosa di incontrollabile e misteriosamente forte, nel cui ventre si celano mostri più o meno fantasiosi. Nel migliore dei casi, il Mar Rosso si rivelò salvezza per il poplo d’Israele, ma morte per il faraone e il suo esercito. Una salvezza terrificante, piena di tuoni e lampi, tumultuosa. 

Il lago, per noi comboniani, è invece un luogo che significa casa: abbiamo sempre in mente il giovane Daniele Comboni che dal Lago di Garda è partito, un giorno, per un viaggio senza ritorno. Non parlo di quello fisico, perché da quello è tornato diverse volte; ma il viaggio della missione, quello sì che non lo ha fatto tornare più, perché è stato un viaggio che lo ha cambiato. Il turista parte per tornare più colto. L’espolartore parte per tornare ‘realizzato’. L’apostolo parte, ma non torna mai. 

Tutto è cominciato con quella notte di fatica invano. I pescatori avevano ancora l’amaro in bocca, chissà che commenti si stavano scambiando, e chissà che sguardi, quando questo novello predicatore si è presentato a loro con la richiesta di andare al largo... Mi par quasi di sentire le parole di uno dei pescatori... 

“Ma come si permette, questo? Abbiamo faticato tutta notte, e adesso sul più bello che ci siamo messi a ripulire le reti, e magari anche a metterci il cuore in pace e a riposare la schiena e le braccia dalla sfaticata, viene questo e ci dice di scostare la barca, perché lui deve parlare? Ma chi si crede?” 

Ed effettivamente quante volte sentiamo che il Signore bussa alla nostra porta proprio quando abbiamo bisogno di riposo. Crediamo di esserci meritati una pausa, e invece, ecco che incalza una nuova chiamata. La missione non va in vacanza. Come l’amico inopportuno che ti sveglia di notte... 

Ma la generosità dei pescatori sembra aver la meglio, e così accontentano questo strano personaggio che deve parlare alla gente. Del resto, se la folla è così tanta da stringersigli attorno di buon mattino e in riva al lago, evidentemente avrà qualcosa di interessante da dire. 

Ed è così che aprono la porta ad un ospite che poi non avrebbero mai più mandato via. Da quel giorno niente fu più lo stesso, e alla fine arrivarono a capire di essere loro stessi gli ospiti. Ospiti della loro stessa vita, fatta di pezze di una vita antica, vecchia, stantia. Una vita di altri, che stavano subendo. Una vita scritta dai dottori della legge e dalle tradizioni. Stranieri a se stessi nelle loro stesse abitudini, nel tran tran del vivere senza alzare la testa al futuro. Come se la loro vita fosse davvero un mare, ma un mare morto, come quello a sud, quello dove niente vive: un mare morto in mezzo ad un deserto arido. Quanta sete. 

La cosa strana è che quel discorso di Gesù, quel mattino, non ci è mai stato riportato. Luca non si cura di trascriverlo. Forse i discepoli stessi non gliel’hanno mai raccontato. Perché l’importante non è “cosa” diceva il maestro. Era il come. Il come era il messaggio. Luca ci fa lo stesso scherzo nella pagina di Emmaus, dove ci dice che ai due discepoli il Risorto spiega tutto... e questa spiegazione totale viene saltata a piè pari. Il vangelo fa come Gesù: non ci regala risposte, ma ci tormenta con domande. 

Per i pescatori novelli assistenti tecnici di Gesù il discoro comincia quando per gli altri finisce. “Adesso andate al largo e calate le reti per la pesca”. Cosa?! Ma questo cosa vuole da noi? Eppure, straordinariamente, ancora una volta la generosità di Simone vince sul buonsenso. Che nemico il buonsenso. Con il buonsenso ci costruiamo mura, ci separiamo, ci difendiamo, fino al giorno in cui ci accorgiamo di aver creato il nostro stesso ghetto, la nostra prigione, la nostra tomba. Con il buonsenso ci limitiamo alla nostra “comfort zone”, il nostro orticello, le nostre abitudini. E poi abbiamo il coraggio di lamentarci che Dio non si fa senitire. Se chiudiamo occhi e orecchie, come fa lui? Deve buttare giù la porta?  

C’è più sapienza nella disarmata semplicità dei pescatori che nelle sofisticate speculaizioni dei dottori della legge. I poveri ci insegnano la fede perché la fede è una cosa semplice: è un affidamento, non una lista di dogmi. E la sapienza sta nel sapersi affidare, sapersi far condurre, più che nel pretendere di avere noi stessi in mano il timone della nostra storia, personale e comunitaria. 

E se Simone si fa prendere dall’entusiasmo (nel suo piccolo, è un romantico, un sognatore, questo burbero pescatore di Cafarnao), gli altri ubbidiscono solo in nome dell’amicizia. “Se il mio compagno di pesca dice di sì, perché tirarmi indietro? Facciamo anche questa seconda sfaticata... al massimo gliela metteremo in conto più tardi, a quel testone di Simone!” Di nuovo, è la semplicità che vince sul calcolo. E quanto è importante avere modelli  giusti – siano personaggi famosi o amici – persone che ti fanno fare quello che da solo non avresti mai il coraggio di fare. Senza di loro, quante occasioni perse! 

Vanno i pescatori, con il loro nuovo capo, gettano le reti, e accade l’impossibile. Sembrano esserci più pesci nelle loro reti di quanti ne abbiano visti in anni. Cos’è mai tutto questo?  

“Simone, immancabile, aggiunge un altro po’ di teatro (non parla mai normalmente, questo; lui deve sempre uscirsene con una scena delle sue). “Allontanati da me, che sono peccatore?”. Ma allora si è bevuto il cervello, Simone! Abbiamo trovato il modo di fare soldi a palate, senza fatica, e lo manda via? In nome di che?” 

Ma non c’è tempo di dare una gomitata a Simone per la sua – ennesima – gaffe che anche Gesù controbatte con un’uscita non da poco: “non temere, da oggi sarai pescatore di uomini”. “Come, adesso che abbiamo imparato a pescare pesci, cambiamo mestiere? No, il sole deve avermi fatto male, oggi... son troppo stanco, forse sto facendo un sogno, mentre Gesù sta ancora predicando alla marmaglia...” 

“Ed invece no. Tutto vero. Tutto stranamente vero. Mi ci vorranno anni per scoprilo, ma alla fine l’ho visto. Ho visto che Gesù mi chiamava ad uscire dallo stretto recinto delle cose che credevo di conoscere. Mi ha invitato a saltare il muro del mio ghetto. A rischiare. A prendere il largo. E mi ha mostrato che il successo nel lavoro non era poi quello di cui abbiamo bisogno. Anzi – a volte – la cosa peggiore che possa succedere ad uno è che si avverino tutte le sue aspirazioni, perché quel giorno potrebbe accorgersi che non ne ha altre. Che non ha altri sogni per cui continuare a vivere. “Prendi il largo” significa sogna in grande. E sognare in grande non vuol dire sognare una cosa grande. Vuol dire sognare al di là del buonsenso, al di là del lecito, del conveniente, del convenzionale.”  

A volte ci chiediamo il segreto di come si faccia a trovare la gioia... ma cosa abbiamo intenzione di fare, il giorno che fosse la gioia a bussare alla nostra porta?

padre Diego dalle Carbonare 


Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter