giovaniemissione.it

Il Volto

Don Tonino Bello

IL VOLTO…

Bisogna stare attenti nell’allacciare rapporti umani più credibili, più veri.
Basati sulla contemplazione del volto.
Rapporti umani basati sull’etica del volto, dello sguardo.
Dobbiamo sviluppare l’etica dell’altro, arricchirci della presenza dell’altro.

Ecco allora la ricerca del volto del prossimo
come fondamento allenamento di pace.
Ricerca del volto, non lettura della sigla.
Contemplazione del volto, non gelida presa d’atto della ‹‹funzione››. Accarezzamento del volto, non adulazione cortigiana del ruolo.
Rapporto dialogico tra volto e volto, non litigiosità feroce tra grinta e grinta.

In quest’ epoca caratterizzata dalla ‹‹serialità›› massificatrice,
in cui neppure l’uomo (fatto pur esso in serie)
sfugge ai pericoli dell’appiattimento,
l’etica del volto ci sembra l’unica in grado di costruire la pace.
Sì, perché le guerre, tutte le guerre, da quelle interiori a quelle stellari,
trovano la loro ultima radice nella uniformizzazione dei volti.
Nella dissolvenza del volto. Nella perdita della identità personale.
Nella prevaricazione del numero di matricola su nome, cognome e indirizzo. Nell’incapacità di guardarsi negli occhi.

Riconciliamoci con i volti.
Col volto di ogni fratello, scrigno di tenerezze e di paure,
di solitudini e di speranze.
Col volto del bambino che vive già nel grembo materno.
Col volto rassegnato del povero, sacramento del Crocefisso.
Col volto fosco del nemico, redento dal nostro perdono.

Ci riconcilieremo così col volto di Dio,
unica terra promessa dove fiorisce la pace.

Don Tonino Bello



Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter