giovaniemissione.it

GIM Pesaro: Dio è amore!

preghiera iniziale, ottobre 2008

PREGHIERA INIZIALE GIM, OTTOBRE 2008

«Io credo nel contatto da persona a persona: per me ogni persona è Cristo. E siccome c’è un solo Gesù, quella persona in quel dato momento è l’unica persona al  mondo».
Madre Teresa di Calcutta

       

DIO E’ AMORE!

…e noi siamo CHIAMATI a vivere la SUA STESSA VITA e la santità è la crescente capacità di vincere l’egoismo
per realizzare noi stessi al massimo: ovvero COME DIO CI VUOLE.

SANTI PER VOCAZIONE, vuol dire semplicemente diventare quello che si è, fissando gli occhi su Gesù,
cercando il suo volto e fissandolo attentamente, senza distrarsi.
In Gesù si trova amicizia, servizio, croce, Eucaristia, tenerezza e fermezza, mansuetudine e forza…
in Lui si trova il volto dell’Amore.

DAI VOLTO ALL’AMORE, Gesù poi ti dirà: vieni e seguimi… impara da me… nessuno è più grande del suo maestro…
ti dovrà bastare assomigliarmi… Scendi! voglio fermarmi a casa tua…
Tu cercavi Lui e Lui cerca te… è in te il volto di Gesù riflesso nel tuo pensare, parlare, sentire e agire…
e tanti cercano i volti dell’amore, ANCHE IN TE.

SOLO GESU’ E’ IL VOLTO DELL’AMORE, noi viviamo questa avventura in un corpo fragile,
il peccato sfigura il volto dell’uomo, così può sfigurare le varie vie che ci fanno uomini secondo il cuore di Dio.
Dai volto all’Amore, se vivi come Gesù, all’interno delle vie che Dio ha pensato per te.

FATTI A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA possiamo dare volto al suo Amore mettendo a disposizione il ‘nostro colore’
quello che Lui ha scelto per noi, fino a viverlo in pienezza, realizzando la nostra specifica vocazione.
Così saremo SANTI e assieme a tanti volti di fratelli e sorelle saremo un riflesso della luce di Dio,
preziosi nelle Sue mani… per essere inviati…

     

Preghiera corale: Ho impegnato la mia vita

Signore, io vorrei essere tra quelli che sanno partire e rischiano la vita.
Signore, tu sei nato durante un viaggio e sei morto come un malfattore,
dopo aver percorso, senza soldi tutte le strade:
quelle dell’esilio, dei pellegrinaggi, e delle predicazioni itineranti.
Fammi uscire dal mio egoismo e dalla mia comodità, perché segnato dalla croce,
io non tema la vita difficile e i momenti in cui si rischia la propria vita.
I momenti in cui si è impegnati con la propria responsabilità.
Ma Signore, al di là di tutte le avventure più o meno sportive,
al di là di tutti i rischi di una vita più o meno segnata nell’azione,
rendimi disponibile alla bella avventura a cui tu mi chiami.
Ho impegnato la mia vita, o Signore, sulla tua parola.
Ho giocato la mia vita, o Signore, sul tuo Amore.

         

Per fare strada…

Arriva un giorno in cui bisogna lasciare tutto, abbandonare tutto: mettersi in cammino, anche se è faticoso.
E' la dinamica stessa dell’esistenza che chiama ad uscire da sé, dalle proprie abitudini, dalle proprie sicurezze e a mettersi in ricerca. Può essere un Sogno, una Voce, una Persona a metterti in movimento... ciò che conta è che tu sia disposto a partire,
che tu sia disposto a rischiare, nonostante le paure, le incertezze, le incognite che avvolgono il futuro.

       

Preghiera di accompagnamento

Signore Gesù Cristo, custodisci questi giovani nel tuo amore,
Fa’ che odano la tua voce e credano a ciò che tu dici, poiché tu solo hai parole di vita eterna.
Insegna loro come professare la propria fede, come donare il proprio amore, come comunicare la propria speranza agli altri.
Rendili testimoni convincenti del tuo Vangelo, in un mondo che ha tanto bisogno della tua grazia che salva.
Fa’ di loro il nuovo popolo delle Beatitudini, perché siano sale delta terra e luce del mondo all’inizio del terzo millennio cristiano.
Maria, Madre della Chiesa, proteggi e guida questi giovani uomini e giovani donne del ventunesimo secolo.
Tienili tutti stretti al tuo materno cuore. Amen.

Giovanni Paolo II

         

Litanie dei santi   [puoi approfondire alcuni di questi testimoni nel sito di giovaniemissione]

Dio, Padre di tutti, abbi pietà di noi che fratelli non siamo.
Gesù, Salvatore degli oppressi, abbi pietà di noi che non ci facciamo liberare.
Spirito santo, che stai in mezzo a noi, abbi pietà di noi che non crediamo nella tua presenza.

[ad ogni invocazione si risponde: PREGATE PER NOI]

Bartolomè de Las Casas e Leonidas Proano, vescovi degli Indios,

Oscar Arnulfo Romero, vescovo e martire dell’America Latina

Sergio Mendes Arceo, vescovo della solidarietà,

Chico Mendes, sindacalista, martire della Amazzonia,

Marianela Garcìa, martire della giustizia e della pace

Lele Ramin, missionario, martire per i senza terra,

Ignacio Ellacuria, gesuita, e piccola Celina, martiri del Centroamerica,

Steve Biko, giornalista e martire sudafricano,

Mohandas Gandhi, Martin Luther King, Giovanni XXIII, Albert Schwitezer, testimoni della nonviolenza,

Leone Tolstoj, Maria Montessori, don Lorenzo Milani, Aldo Capitini, Jean Goss, educatori nonviolenti,

Dietrich Bonhoeffer, Tani Latmiral, Dorothy Day e Bergha Von Sutter, testimoni della nonviolenza,

S. Massimiliano e Franz Jaegerstaetter, primi martiri obiettori di coscienza,

Giorgio La Pira, Bertrand Russel, Olaf Palme, politici nonviolenti,

Don Zeno Santini, don Primo Mazzolari, David Maria Turoldo, Carlo Carretto, Ernesto Balducci, Sirio Politi, don Tonino Bello, testimoni della radicalità evangelica,

Aldo Moro, Vittorio Bachelet, Ezio Tarantelli, martiri del terrorismo,

Piersanti Mattarella, Pio La Torre, martiri del servizio politico,

Mauro di Mauro, Walter Tobagi, Giancarlo Siani, Ilaria Alpi, Miran Hrovatin, Marcello Palmisano e tutti i giornalisti martiri della verità,

Ciaccio Montalto, Chinnici, Saetta, Livatino, Giovanni e Francesca Falcone, Borsellino, Terranova, martiri per la giustizia

Dalla Chiesa, Montana, Cassarà, Antiochia, Emanuela Loi e tutti i carabinieri e agenti uccisi dalle mafie,

Libero Grassi, industriale, e Giordano, negoziante, martiri antiracket,

Don Pino Puglisi e don Peppe Diana, sacerdoti uccisi dalla mafia,

Donne maltrattate, violentate, uccise nelle case e in tutte le guerre,

Donne bosniache, somale, rwandesi, cecene, nostre sorelle,

Bambini delle guerre dimenticate,

Bambini dei vicoli di Napoli e Palermo,

Ninos de las calles, meninos de rua, bambini iracheni e jugoslavi,

Bambini uccisi per le strade e dalle mafie, ora precocemente diventati santissimi angeli di Dio,
vegliate sui nostri bambini perché siano domani uomini e donne migliori di noi.

  Guardando il video teniamo a cuore le frasi e i messaggi che ci giungono per
accompagnarci nel cammino che stiamo intraprendendo e che faremo insieme… Uniti.

          

L'amore è là dove sei pronto a soffrire, lasciando ogni cosa al suo posto e partire...

L'amore soltanto l'amore può farti guarire, l'amore è là dove sei pronto a morire
lasciando ogni cosa al suo posto e partire...

Quando non sai trovare in te nè verità nè conclusione, tu non ti abbattere, rimani in te

E se non sai capire se la realtà è un illusione tu non ti abbattere rimani in te

Si, deve essere cosi! che tutto quel che accade ha un senso, altrimenti non saresti qui

Si, deve essere cosi! che tutto quel che serve e' un cuore altrimenti non saresti qui
a farmi respirare amore…

Non ti ho insegnato niente quando stavi insieme a me? ... altrimenti non saresti qui
ed io con te non perderei il mio tempo

Si, ammetti che e' cosi! che tutto quel che abbiamo è un cuore e quindi fatti forza e vieni qui

Cosa mi aspetto dal domani? che tu ci sia nel mio domani… e se ti incontrerò
spero di sfiorare le tue mani

Domani sara' un giorno migliore vedrai

Credo che sia giusto dirti che non voglio niente senza te

Cos'e' successo sei scappata da una vita che hai vissuto una storia che hai bruciato

Cos'è successo sei cambiata, non sei più la stessa cosa

Ma c'è qualcosa di grande tra di noi, che non potrai cambiare mai nemmeno se lo vuoi!

Vorrei, vorrei... esaudire tutti i sogni tuoi, vorrei, vorrei...
cancellare ciò che tu non vuoi però, lo sai che io vivo
attraverso gli occhi tuoi...

         

CANTO FINALE:

Mani  [ascolta l' mp3]

Vorrei che le parole mutassero in preghiera
e rivederti, o Padre, che dipingevi il cielo.

Sapessi quante volte,
guardando questo mondo,
vorrei che tu tornassi a ritoccarne il cuore.

Vorrei che le mie mani avessero la forza
per sostenere chi non può camminare.

Vorrei che questo cuore
che esplode in sentimenti
diventasse culla per chi non ha più madre.

Mani, prendi queste mie mani,
fanne vita, fanne amore,
braccia aperte per ricevere chi è solo.

Cuore, prendi questo mio cuore,
fa’ che si spalanchi il mondo,
germogliando per quegli occhi
che non sanno piangere più.

Sei tu lo spazio che desidero da sempre,
so che mi stringerai e mi terrai la mano.

Fa’ che le mie strade si perdano nel buio
e io cammini dove cammineresti tu.

Tu soffio della vita prendi la mia giovinezza
con le contraddizioni e le falsità, strumento
fa’ che sia per annunciare il regno
a chi per questa via tu chiami beati.

Mani, prendi queste mie mani...

Noi giovani di un mondo che cancella
i sentimenti e inscatola le forze
nell’asfalto di città, siamo stanchi di guardare
siamo stanchi di gridare, ci hai chiamati
siamo tuoi, cammineremo insieme.

Mani, prendi queste nostre mani,
fanne vita, fanne amore,
braccia aperte per ricevere chi è solo.

Cuore, prendi questi nostri cuori,
fa’ che siano testimoni,
che tu chiami ogni uomo
a far festa con Dio.

        

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter