giovaniemissione.it

KAZUYO YAMANE - Al mio amato figlio

Al mio amato figlio

KAZUYO YAMANE

Sai cos’ho fatto quando sei nato?
Come prima cosa ho contato le tue dita
E sai perché?
Perché avevo paura delle radiazioni
Ricordati che tuo nonno era ad Hiroshima nel 1945

Stava tagliando l’erba per i conigli quando la bomba atomica è stata lanciata.
Non ha avuto il tempo di capire cosa stava succedendo ed ha perso conoscenza
Quando rinvenne c’era l’inferno
Soffriva terribilmente per le bruciature ma delle persone lo soccorsero
Era preoccupato che le radiazioni potessero trasmettersi ai suoi figli e nipoti.

Ho incontrato una donna, una volta, che era la figlia di un superstite della bomba atomica di Nagasaki e
Mi disse che suo figlio era nato con solo tre dita
Abbiamo pianto insieme
Chi può assicurare che non ci sarà alcuna conseguenza dalle radiazioni sulle generazioni future?Devono essere bellistici piuttosto che scientifici o dottori.

Tu, figlio mio, hai un problema ai reni da quando sei nato
Mi hai chiesto perché non potessi giocare a calcio come i tuoi amici
Nessuno sa se le sia una conseguenza delle radiazioni
Hai iniziato a fumare, ma il tuo stato di salute è preoccupante.
Il tuo corpo ti appartiene, senza dubbio, ma non è soltanto tuo.

è bello che tu ami la musica e la vita.
Ma sai cosa succede nel mondo?
Per fortuna, il numero di armi nucleari è stato ridotto.
Ma ci sono delle persone che stanno cercando di crearne di nuove.
Ed è per questo che spero che tu voglia sapere cosa succede nel mondo e che pensi al futuro. 

Cerca solo di ricordarti una cosa:

Tuo nonno sperava che il mondo fosse un luogo di pace ed armonia

Ci ha lasciato le sue ultime volontà in silenzio

Pensiamo a quello che possiamo fare per il nostro futuro

Siamo sicuramente piccoli, ma è possibile che le cose cambino

Quello di cui abbiamo bisogno non sono le armi, ma della nostra saggezza e della cooperazione

Da parte di tutti.

  

                                                                                               Stephinie Paola Scholtes.

 

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter