giovaniemissione.it

Avevo fame...

poesia, denuncia, preghiera: dal Malawi

(foto: Iqbal, Pakistan)

Avevo fame
e voi avete fondato un club
a scopo umanitario
e avete discusso
sulla mia fame.
Ve ne ringrazio.

Ero in prigione 
e voi siete entrati
furtivamente in chiesa
a pregare
per la mia liberazione.
Ve ne ringrazio.

Ero nudo
e  voi avete esaminato seriamente
le conseguenze morali della mia
nudità.
Ve ne ringrazio.

Ero ammalato
e voi vi siete messi in ginocchio
a ringraziare il Signore
per avervi dato la salute.
Ve ne ringrazio.

Ero senza tetto
e voi avete predicato
le risorse dell’amore di Dio.
Ve ne ringrazio.

Sembravate tanto religiosi e tanto
vicini a Dio. Ma io ho ancora fame,
sono ancora solo, nudo, ammalato,
prigioniero e senza tetto.

(poesia del Malawi)

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter