giovaniemissione.it

Mi ritengo fortunato ad aver vissuto questa esperienza, essendo il Giubileo un evento unico. Un'occasione della vita che non capita tutti i giorni ed io l'ho colta.

Giubileo GIM: evento indimenticabile

cronaca delle giornate vissute e risonanze di Nicola dal GIM di Bari

Giubileo Gim 2019

Frequento il GIM dall’ottobre 2016. Sono passati quasi tre anni dalla mia prima esperienza assoluta con la Famiglia Comboniana da quando ho svolto il campo di lavoro e spiritualità a Gioia del Colle dell’agosto 2016. Durante questi anni ho vissuto delle belle esperienze, come i campi estivi dove ho avuto la possibilità di conoscere tante persone simpatiche e ho potuto approfondire delle tematiche molto importanti, come il fenomeno dell'immigrazione e i “nuovi stili di vita”.

Al mio terzo anno, ho potuto prendere parte al Giubileo GIM, l’evento celebrativo dei 50 anni della pastorale giovanile comboniana, che si è tenuto nella mia città, Bari, che ha coinvolto i GIM di Bari, Venegono (Varese), Padova, Verona, Roma, Napoli e Troia (Foggia).

Siamo stati più di 50 partecipanti, tra gimmini, padri, fratelli, suore, secolari, e laici comboniani. Il Giubileo è durato tre giorni, dal 3 al 5 maggio 2019, ed ha visto il susseguirsi di una serie di attività, molto interessanti e partecipative.

L’evento è iniziato il pomeriggio del 3 maggio, con visite in alcune località pugliesi, dove sono state affrontate delle tematiche molto importanti. I partecipanti sono stati suddivisi in cinque gruppetti, ciascuno di essi si è recato in una diversa località. Il primo gruppo si è recato a Mesagne (Brindisi), dove è stato affrontato il tema dell’antimafia sociale; il secondo gruppo si è spostato verso Adelfia (Bari), dove si è discusso sul contrasto alla tratta di donne; il terzo gruppo si è recato a Molfetta (Bari), dove si è affrontato il tema della pace; il quarto gruppo si è recato a Taranto, città vittima dell'inquinamento dell'industria siderurgica, dove si è discusso sulla tematica dell'integrità del creato; il quinto gruppo si è recato a Borgo Mezzanone (Foggia), dove è stato affrontato il tema del contrasto al capolarato.

Concluse queste visite, giunta la sera, i cinque gruppi si sono ritrovati a Bari, presso la Casa dei Missionari Comboniani. Dopo la cena, abbiamo avuto la possibilità di conoscerci, grazie a dei giochi di gruppo e a dei filmati in cui si sono presentati i vari GIM.

Il secondo giorno, ossia il 4 maggio, dopo un momento di preghiera, e dopo aver ascoltato la testimonianza di monsignor Antonio Caiazzo (arcivescovo di Matera-Irsina e, dal 2018, presidente del “Comitato per i Congressi Eucaristici Nazionali”), i 5 gruppetti che il giorno prima avevano visitato le diverse realtà hanno presentato a tutti con dei video le esperienze vissute: un'occasione per condividere momenti e riflettere su tematiche di attualità molto vive. È venuto a salutarci anche monsignor Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto, al quale abbiamo regalato la wipala, uno dei simboli più rappresentativi del GIM. La mattinata si è conclusa ascoltando, sia dal vivo, sia mediante alcuni filmati, le testimonianze di gimmini del passato.

Dopo il pranzo, nel pomeriggio sono state approfondite ulteriormente le tematiche dell'antimafia sociale, del contrasto alla violenza sulle donne, della pace, della salvaguardia del creato, e del contrasto al capolarato: questa volta, però, nella Casa dei Missionari Comboniani, attraverso dei workshop che ci hanno permesso di parlare con chi si sta impegnando sul territorio mettendoci impegno passione e sacrificio.

Le attività pomeridiane si sono concluse con un momento di condivisione, durante il quale ciascuno dei 5 gruppi, mediante una piccola rappresentazione, ha comunicato a tutti i partecipanti i messaggi percepiti durante i vari workshop.

Dopo la cena, la giornata del 4 maggio si è conclusa allegramente, con un concerto della band di padre Fabrizio Colombo, missionario comboniano. Il concerto, inizialmente, si doveva tenere in via Sparano, una delle strade più centrali e importanti di Bari: ma poi, a seguito della pioggia, si è tenuto nella Casa dei Comboniani. È stato un momento per ascoltare musica leggera ma ricca di contenuto, per cantare e per ballare. Tra le canzoni eseguite dalla band, va ricordata “Mani”, uno dei pezzi più belli e simbolici del GIM.

La mattina del 5 maggio, ultimo giorno del Giubileo, ci siamo recati alla Cattedrale di Bari, dove abbiamo celebrato la S. Messa, presieduta da padre Alex Zanotelli. La celebrazione si è conclusa con la benedizione degli anelli di Tucum. Ognuno di noi ha ricevuto un anello e lo ha indossato al dito. Il Giubileo si è concluso con la condivisione del pranzo.

Per me gimmino il Giubileo è stata un’esperienza molto bella ed interessante, durante la quale ho avuto la possibilità di approfondire delle tematiche della nostra realtà, tra le quali quella della pace, avendo fatto parte del gruppo che si è occupato di questa tematica.

Durante quest'incontro ho avuto la possibilità di riflettere sulla pace, un valore messo sempre più a rischio nel nostro mondo, a seguito delle guerre e della vendita delle armi. Non solo, ma ho potuto conoscere meglio anche la figura di Don Tonino Bello, vescovo di Molfetta dal 1982 al 1993, anno della sua morte. Don Tonino Bello, nel corso della sua vita, ha affrontato a pieno il tema della pace, con degli incontri nazionali, primo tra tutti quello all'Arena di Verona, il 30 aprile 1989, del quale abbiamo visto un video. Don Tonino Bello ha anche organizzato una coraggiosa marcia della pace a Sarajevo, nel 1992, nel pieno della guerra in ex Jugoslavia.

Questo Giubileo è stata anche un'occasione, per socializzare, per incontrare nuove persone, e per rivedere gente che avevo conosciuto nel corso dei campi estivi nazionali vissuti le scorse estati.

È stato un momento di gioia, di condivisione, e di formazione.

Mi ritengo fortunato ad aver potuto vivere questa esperienza, essendo il Giubileo un evento più unico che raro: è un'occasione della vita che non capita tutti i giorni, e va colta all'attimo.

Sarebbe bello rivivere altre occasioni di incontro nazionale per rincontrarci tutti insieme, noi gimmini sparsi in tutta Italia.

Nel frattempo, ancora un grazie di cuore a tutti per i piacevoli momenti vissuti insieme, e un grazie di cuore a tutta la Famiglia Comboniana nazionale.

GRAZIE A TUTTI.

 

Nicola Gonnella

img-20190506-wa0125.jpg

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter

giovaniemissione.it

BARI

Via Giulio Petroni, 101
70124 Bari
Tel. 080 501 0499

ROMA

Via Luigi Lilio, 80
Roma, 00142

VERONA

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona,
Tel. 045 8092100

PADOVA

Via S. G. di Verdara, 139
35137 Padova
Tel. 049/8751506

NAPOLI

Via A. Locatelli 8
80020 CASAVATORE (NA)
Tel. 081.7312873

VENEGONO

Via delle Missioni, 12
21040 Venegono Sup. (VA)
Tel. 0331/865010