giovaniemissione.it

Dio c'invita a superare la cultura utilitaristica

di sr. Gabriella Bottani dal Brasile

Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito.

DIO C'INVITA A SUPERARE LA CULTURA UTILITARISTICA

lettera di suor. Gabriella Bottani

Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito.

Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. cerca nel sito

torna alle pagina Lettere dalla missione

Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. scrivi

 

Suor Gabriella (Missionaria Comboniana di origini milanesi)

dopo la prima professione religiosa nel 1998 ha trascorso alcuni anni in Germania; vive dall’ottobre 2004 in mezzo al popolo brasiliano.

 

Beati noi quando ci é donato di stare con gli inutili,

essi non producono ma sono sacramento della presenza di Dio

  Carissimi,

È passato quasi un anno da quando ho lasciato Milano per il Brasile. Un tempo molto ricco ed intenso per me e credo anche per ciascuno e ciascuna di voi.

 

Per quanto riguarda la mia vita in Brasile, credo che in questo periodo io mi senta provocata a riflettere sul concetto di 'utile' e 'inutile'. Il mondo intero é completamente immerso nella mentalitá della produzione di utili, di investimenti per produrre guadagno e invece qui, nella realtá dove sono, partecipo della quotidianità delle persone che sono escluse da questo mondo e vivo nella realtá dell''inutile'. Eppure, approfondendo quello che sta succedendo, é proprio la mentalità della produzione dell'utile che impone l'esistenza delle cose inutili e che, indirettamente, sta 'producendo' persone 'inutili'. Sembra un gioco di parole, una contraddizione in termini ma questa é la realtà. Ed é osservando il mondo da questo punto di vista che si pone la domanda: che cos'é veramente 'utile'?

 

Partendo da questa prospettiva, ci stiamo impegnando in attivitá che non producono utili finanziari (ma solo costi di gestione) e promoviamo un progetto rivolto a persone che sono inutili per la società di mercato: gli esclusi dal mondo del lavoro, i miserabili e le miserabili il cui unico sogno per il futuro é sopravvivere. È in questa realtá che il mistero dell'amore di Dio per ogni persona riecheggia con maggior forza e si fa maggiormente percettibile...

 

É il mistero della Sua presenza nel piccolo R. (7 anni) che dopo aver trascorso la giornata aderendo al nostro progetto "Crescer juntos", nell'oscurità della notte va raccogliendo materiale riciclabile con un carro piú grande di lui. La mamma, durante la giornata, non é riuscita a raccoglierne abbastanza per sfamare tutti i suoi figli.

 

È il mistero della Sua presenza nella piccola E. (13 anni), con gli occhi rossi di pianto, perchè la mamma è ammalata e non ha i soldi per comprare le medicine. Qui é quasi sempre la mamma che lavora per guadagnare il pane quotidiano.

 

É il mistero della Sua presenza nella piccola F. (7 anni) con un problema di salute mentale. Figlia di una adolescente di strada, picchiata diverse volte dalla polizia durante la gravidanza, F. fu abbandonata e cresciuta da una altra signora che ebbe compassione di lei.

 

Lasciandoci sollecitare da questa realtà, dalle tante storie di sofferenza e di tentativi di lottare per il diritto alla vita (e ad una vita degna), osiamo ampliare il nostro progetto aumentando il numero di famiglie accompagnate. Osiamo questo, senza avere i fondi necessari, certe che incontreremo persone ed istituzioni disposte a sostenere il nostro lavoro. I risultati che noi otteniamo ogni giorno sono semplici, piccoli, apparentemente inutili ma allo stesso tempo meravigliosi: sono un sorriso strappato da un bambino per aver scoperto di saper fare qualche cosa, sono la soddisfazione di una pancia piena per un giorno, sono la felicità di una mamma che ottiene un poco di tempo libero per fare qualche lavoretto, sono lo stupore di aver incontrato qualcuno che si interessa di te e ti chiede come stai. Piccole cose, che non producono utili ma che sono molto utili per riscoprire la bellezza della vita nelle sue dimensioni essenziali dell'essere.

 

È strano che questo mondo di persone considerate 'inutili' sia inserito in una area molto interessante per la produzione di utili. Dopo lo Tsunami e gli attacchi terroristici internazionali, infatti, i grandi investitori internazionali stanno guardando con particolare interesse alle meravigliose spiagge del Ceará, e in generale della regione del nordest, per implementare lo sfruttamento del terreno finalizzato alla produzione di frutta tropicale e fiori per i mercati stranieri.

 

Nel settore turistico è previsto un grande progetto di speculazione edilizia che comprende centinaia di chilometri di spiaggia: la vendita di appezzamenti di terreno é già cominciata. Questo progetto prevede, tra l'altro, l'esproprio di zone abitate e la relativa espulsione degli abitanti. Il progetto edilizio si estenderà anche in zone costiere naturali rimaste incontaminate.

 

Nel settore di produzione di frutta tropicale e fiori é in programma l'irrigazione delle terre semiaride della regione del nordest sfruttando le acque del Rio San Francisco, uno dei maggiori fiumi del Brasile per portata d'acqua. Anche in questo caso le agenzie ambientaliste si stanno mobilitando per evitare i danni che questo tipo di intervento apporterà a livello ambientale e conseguentemente alla vita.

 

Carissimi amici e amiche, concludo ricordando alcune parole del Vangelo delle beatitudini, un brano di vangelo che mi sta accompagnando di modo speciale in questo tempo: Beati i poveri, beati quelli che piangono, beati i miti, beati i puri di cuore, beati i costruttori di pace e beati gli afflitti.

 

Infine affermo beati noi quando ci é donato di stare con i beati, gli inutili della societá contemporanea, perché non servono a nulla ma sono presenza di Dio, mistero di salvezza per tutti noi.

 

Buona festa patronale

Gabriella smc.

 

Se qualcuno desidera sapere di piú del nostro progetto o collaborare con noi può mettersi in contatto direttamente con me al seguente indirizzo e-mail: gabriellabottani@web.de oppure contattarmi al seguente indirizzo:

 

Ir. Gabriella Bottani

Irmãs Missionárias Combonianas

Rua 1006, Casa 19 - 4ª Etapa Conj. Ceará

60532-630 Fortaleza, CE - Brasile

Tel. 0055 85 32943478

 

Nel sito c'è un'altra lettera di sr. Gabriella:

Dal Brasile ...


Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter