mercoledì 29 giugno 2016  
Giovani in Cammino
 GIM
 OrmeGiovani
 Parola ai giovani
 Attività e Campi
Testimoni
 Testimoni della Carità
 P.Alex Zanotelli
 Lettere dalla Missione
Spiritualità
 Catechesi
 Veglie e Preghiere
 Teologia della Missione
 Sfide per Crescere
Mondo e Società
 Sud del Mondo
 Temi Speciali
 Approfondimenti
 Campagne
 Centro Docum. Freire

Cerca nel Sito

Campagne
Advertisement

 
Campagne17-12-08
:: Sui Binari della Giustizia - Justiça nos Trilhos   PDF  Stampa  E-mail 

Sui Binari della Giustizia
Justiça nos Trilhos


La vita della gente e la Compagnia Vale do Rio Doce lungo la Ferrovia di Carajás

FIRMA PER PIQUIA' !

Novità:

Non Vale - Documentario di Silvestro Montanaro sull'impatto dello sviluppo minerario e siderurgico lungo il corridoio del Carajás (Brasile, stati del PArà e del Maranhão). Giovedì, 16 settembre alle 22.55 nel programma "C'era una volta" - RAI3.  

IL PREZZO DEL FERRO  di Francesco Gesualdi e Dario Bossi - Come si arricchisce la più grande multinazionale del ferro e come resistono le vittime a livello mondiale.  Nel libro è allegato il DVD del documentario Não Vale di Silvestro Montanaro, sull'impatto dello sviluppo minerario e siderurgico lungo il corridoio del Carajás (Brasile, stati del Parà e del Maranhão).

Visita anche lo speciale sul Social Forum 2009 in Brasile 

Interviste per conoscere Justiça nos Trilhos (realizzate per la trasmissione Partecipare è Cambiare di Radio Cooperativa) :

p. Dario Bossi, febbraio 2009 (subito dopo il FSM 2009):  intervista_pDario_JnT_02_09.mp3 (1,35 Mb)

fr. Antonio Soffientini. luglio 2009: intervista_fAntonio_JnT_07_09_parte1.mp3 (1,30 Mb) , intervista_fAntonio_JnT_07_09_parte2.mp3 (1,27 Mb)

Segui i binari della giustizia, ambientale e sociale,

sostieni Justiça nos Trilhos nel costruire uno sviluppo diverso per il Carajas  

 La Estrada de Ferro Carajás é una delle maggiori ferrovie mai costruite: 892 kilometri per collegare il piú ricco giacimento di ferro del mondo (Carajás) a uno dei principali porti commerciali dell’America Latina: São Luís. Ci passano quotidianamente 12 treni di 330 vagoni e 4 locomotive, carichi di minerali: nel solo 2005 il guadagno netto della ferrovia è stato di piú di 200 milioni di dollari. (...)  La stessa impresa che estrae il minerale si occupa del suo trasporto, occasione per altri guadagni massicci: state conoscendo la seconda compagnia mineraria del mondo, Vale do Rio Doce.  Lo sfruttamento minerario è solo una tappa della grande sequenza dello sviluppo: un anello di cui non si riconosce piú l’inizio. Latifondo, disboscamento per produrre, allevare o ricavare carbone, incendi costanti per ripulire grandi aree improduttive da destinare a pascoli, monocultura della soia e dell’eucalipto, industrie siderurgiche, camion… La violenza ambientale è evidente e innegabile (...)
Da fine 2007 è nata una campagna, chiamata “Justiça nos Trilhos” (Sui binari della Giustizia) che sta articolando tutte le realtá coinvolte dalla compagnia  Vale do Rio Doce nel corridoio di Carajás con altri gruppi di vari paesi del mondo che vivono le stesse contraddizioni. (...)
L’obiettivo della campagna è triplice: ottenere indennizzazioni per tutte le violazioni commesse da Vale do Rio Doce nel corridoio della ferrovia, forzare le operazioni di compensazione ambientale che sono state assunte come impegno, ristabilire un fondo di sviluppo della regione intera, a quota fissa annuale proporzionale ai guadagni della compagnia, gestito da un consorzio di municipi e movimenti sociali locali.

Justiça nos trilhos (in Italia: Sui Binari della Giustizia) è una rete internazionale (a cui aderiscono Forum di Carajas, FAOR, CUT MA, Caritas del Maranhao e Parà, Sindacato Ferrovie Parà-Maranhao-Tocantins, SMDH, Missionari Comboniani, Union Steel Workers, Centro Nuovo Modello di Sviluppo-Italia).

Amazzonia: saccheggio e rivolta

Lettera aperta di alcuni missionari e della Campagna Sui Binari di Giustizia per conoscere la realtà del corridoio del Carjas ed i comportomenti della Vale do Rio Doce


Conoscere la campagna "Sui Binari della Giustizia":

 Tribunale Permanente dei Popoli 

Il PPT nella seconda sessione su "Politiche neoliberali delle Trasnazionali europee in America Latina" ritiene Vale colpevole, insieme alla tedesca Thyssen Krupp Steel, dell'inquinamento della Baia di Sepetiba.

In Italia:

Taranto una delle città più inquinate d'Italia, proprio da attività industriali e siderurgiche. Leggi le notizie ed i risulti del lavoro di denuncia della società civile e delle istituzioni atte alla tutela ambientale.


"... da Açailândia, in Maranhão, Brasile. Il nome della nostra cittá significa ‘la terra dell’açaí’, un frutto rosso sangue che è stato risucchiato via dal disboscamento. La regione della nostra comunitá si chiamava Piquiá, era il nome di un’altro frutto; pochi anni fa l’hanno ribattezzato Pequiá, acronimo che sta per ‘Polo Petrol-Químico de Açailândia’.  Nei nomi, i destini delle cose. Ora l’Amazzonia è lontana, anche per noi. (...)"

Teologia della Terra
La violenza contro la natura: disperazione od opportunità?
"(...) una nuova teologia della terra può nascere soltanto nelle ferite delle vittime, lasciando parlare i corpi offesi ed ascoltando il lamento della creazione, dal basso. Il Vangelo rivela che Cristo risorto porta con sé le ferite della croce … ed è esattamente a partire da queste che Tommaso riconosce il Signore. Le ferite della terra e del popolo sono il Corpo di Cristo violato, punto di partenza per una riflessione permanente sulla Vita e sulla Resurrezione possibile."
Quale sviluppo? ... perchè vinca la Vita
Vivere le domande Fr. Alberto De Gan
Vite per l'Amazzonia ...

Sui Binari della Giustizia

 Proposta di azione rivendicando giustizia e rispetto dell’ambiente 

Il Carajàs

 Scoperta da imprese multinazionali all’epoca della dittatura militare, la regione del Brasile conosciuta come “Carajás” è una grande area mineraria situata nell’Amazzonia orientale. Contiene la maggior riserva mondiale di ferro, estremamente puro, importanti riserve di manganese, rame, bauxite, nichel, stagno, oro e altri metalli preziosi, oltre ad ampie possibilità di sfruttamento forestale e agro-pecuario e all’enorme potenziale idroelettrico.

 Lo sfruttamento del ferro nella Serra de Carajás, situata nella regione ovest dello stato del Pará, inizió negli anni ‘60 e crebbe notevolmente nella decada seguente, quando l’allora compagnia statale Vale do Rio Doce assunse il controllo totale dello sfruttamento minerario nella regione e creó, nel ‘79, il Programma Grande Carajás, con la finalità di estrarre minerali in scala industriale, per rifornire i mercati internazionali.
Per consolidare un progetto cosí grande si realizzarono opere di infrastruttura di grande impatto, come ad esempio l’Idroelettrica di Tucuruí, nel sudest del Pará, o il Porto di Ponta da Madeira in São Luís, capitale del Maranhão (il porto piú grande di tutta la regione nord e nordest del Brasile), o la Ferrovia di Carajás.

 La ferrovia di Carajás (EFC) 

 La ferrovia di Carajás è stata inaugurata il 28 febbraio 1985. E' lunga 892 km e attraversa 25 città (4 dello stato di Parà e 21 del Maranhão), collegando la provincia mineraria di Carajás, nel Pará, con il porto di Ponta da Madeira, in São Luís. E' gestita direttamente dalla Companhia Vale do Rio Doce (Vale), su concessione federale datata 1976 e rinnovata nel 1997 per altri 30 anni, subito dopo la privatizzazione della società.
Eccellente dal punto di vista tecnico, l'EFC è una delle ferrovie con i più alti indici di produttività del mondo ed è divenuta fondamentale per gli alti profitti, sempre in incremento, ottenuti da Vale.
Oltre al minerale di ferro e manganese, l'EFC trasporta ogni anno tonnellate di altri minerali e prodotti come legno, cemento, bevande, veicoli, fertilizzanti, carburante, acciaio e prodotti agricoli, in particolare soia prodotta nel Sud del Maranhão, nel Piauí, in Pará e in Mato Grosso.
Questa grande opera ha ridisegnato gran parte del paesaggio dell'Amazzonia e ha favorito lo sviluppo di nuove attività economiche (ad esempio la siderurgia), oltre a cambiare radicalmente la vita della popolazione, in particolare quella indigena.
Nonostante non sia una delle priorità di Vale, la compagnia é obbligata dal contratto di concessione ad effettuare anche trasporto passeggeri. Tuttavia, ciò che potrebbe essere un evidente beneficio per la popolazione ha creato problemi per la grande quantità di persone che si sposta sull'ECF dal Maranhão al Sud Est del Parà. Si tratta per lo più di lavoratori non qualificati che, non potendo svolgere mansioni specifiche, sono destinati alla disoccupazione. Sono frequenti i ritardi, gli i
ncidenti, le morti di animali e a volte anche persone lungo la ferrovia.

 Il contesto attuale

Il polo minerario di Carajás è attualmente il più grande complesso minerario-metallurgico del mondo. Lungo il tracciato della ferrovia sorgono, concentrate in un raggio di appena 150 km, 14 aziende siderurgiche, situate principalmente nelle regioni di Marabá (stato di Pará) e Açailândia (stato di Maranhão). Gran parte dei minerali di ferro (per alcune aziende anche l'intera produzione) vengono esportati nei mercati di Stati Uniti, Europa, Cina e Giappone.
Ognuno di questi stabilimenti può arrivare a consumare più di 300 tonnellate di carbone vegetale al giorno. Ciò ha contribuito notevolmente alla deforestazione della regione: attualmente le aree di foresta nativa della regione sono quasi inesistenti.
Questo modello economico non è sostenibile, perché, rispetto ad altre possibili forme di utilizzo del territorio, impiega pochissime persone e concentra potere e denaro nelle mani dei pochi imprenditori della regione, non permettendo alcun tipo di dibattito sulle possibili alternative, e causando malattie dovute all'estremo inquinamento.  Va sottolineato che Vale è oggi l'impresa che ha collezionato il maggior numero di denunce da parte dell'IBAMA, l'organo competente per la protezione ambientale a livello federale. Dal momento della privatizzazione, Vale ha subìto 56 azioni di violazione, per un importo di 37 milioni di reais (ovvero 14 mln di euro) di multe. In genere questi provvedimenti derivano dal mancato rispetto delle autorizzazioni ambientali ottenute per realizzare l'attività estrattiva e il trasporto minerario.
In alternativa a questo gigante multinazionale, si stanno sviluppando piccole esperienze altre nate dal basso: corsi e iniziative di agroecologia, legati alla produzione familiare negli insediamenti; esperienze di compravendita locale campo-città, piccoli progetti per il riciclaggio e piccole produzioni alternative all'interno della città. Ci sarebbero anche opportunità per promuovere il microcredito.   Nonostante vi siano moderne infrastrutture che favoriscono nuove attività industriali, nella regione ha prevalso la concentrazione del reddito e della terra che, causando basso ritorno economico per il paese e soprattutto per le popolazioni locali, ha provocato un processo di esclusione sociale. Sotto la falsa immagine di progresso sviluppista, si compie il saccheggio delle risorse a favore di interessi privati e stranieri, per far fronte alla domanda incontenibile di materie prime delle nazioni egemoniche governate dalle leggi di mercato. Il tutto a scapito dello Stato e dell'annientamento del popolo brasiliano.

 Il caso emblematico di Açailândia

Açailândia è una città strategica per Vale, visto che è in questa città dell’interno del Maranhão che la EFC si unisce con la Ferrovia Norte-Sul. L’ampliamento di questa ultima linea ferroviaria, che dovrebbe unire Goiânia/GO a Belém/PA, è considerato uno dei progetti prioritari di infrastruttura da realizzare in Brasile, a beneficio del settore agricolo.
Inoltre è in questo comune che si trova l’intersezione dell’autostrada Belém-Brasília (BR-010) con la BR-222, che va da Fortaleza/CE a Marabá/PA.
La popolazione di Açailândia nella sua grande maggioranza è stata vittima di varie forme di degrado dell’ambiente. Tra tutti i comuni attraversati dalla EFC, Açailândia costituisce un caso alquanto emblematico, visto che condensa in una sola area diverse situazioni che compromettono il benessere della popolazione (estrazioni minerarie, deforestazione, monocultura di eucalipto, inquinamento provocato dagli stabilimenti siderurgici e dalla produzione di carbone, sfruttamento lavorativo, miseria, denutrizione, sfruttamento sessuale infantile). Si tratta di un contesto emblematico di tutta una regione (Carajás) dove i problemi sono molto simili e la forza del popolo è sproporzionata rispetto a quella delle grandi imprese presenti in Carajas.

La Campagna "Sui binari di Giustizia"

La Campagna “Sui binari della giustizia” è iniziata alla fine del 2007, su iniziativa dei Missionari Comboniani che operano in diverse regioni dello Stato del Maranhão, ed ha trovato la rapida adesione di altri gruppi e organizzazioni che oggi compongono la il suo coordinamento esecutivo e/o la sua rete di azione.
Una priorità d’azione nel contesto maranhense é la difesa dell’ambiente e delle popolazioni minacciate nella regione amazzonica, specialmente quelle situate ai margini della Estrada de Ferro Carajás. In particolare, appaiono evidenti i danni causati ai popoli indigeni e ai lavoratori, vittime dello sfruttamento.
La Campagna si sviluppa cercando di coinvolgere prioritariamente tre segmenti della società: i movimenti popolari e la base della popolazione / il mondo accademico / le istituzioni pubbliche locali.
“Sui binari della giustizia” approfitta dell’occasione del Forum Sociale Mondiale (Belém – gennaio del 2009). L’opportunità del FSM può offrire maggior visibilità alla grave situazione regionale e contribuire a stabilire alleanze più ampie a livello nazionale ed internazionale; l’esperienza di pressione su Vale nel Carajás può divenire un modello anche per altre regioni.

 Gli obiettivi d’azione sono i seguenti:

a) Studiare l’impatto reale delle attività della Companhia Vale do Rio Doce (Vale) su quella che viene denominata l’area d’influenza della Estrada de Ferro Carajás;
b) Discutere la costruzione di meccanismi per recuperare le risorse attualmente gestite solo da Vale, per rilanciare lo sviluppo delle comunitá locali nell'area di influenza della Ferrovia di Carajás

E’ necessario sottolineare che, prima di essere privatizzata, Vale aveva l’obbligo di contribuire ad un Fondo di Sviluppo che l’obbligava a trasferire l’8% del suo fatturato per investimenti a favore della popolazione direttamente coinvolta. L’obbligatorietà di contribuzione di questo fondo, d’altro canto, ha smesso di esistere con la privatizzazione della compagnia. Da allora Vale, tramite la Fondazione omonima, continua ad applicare una politica di “beneficenza sociale” attraverso piccoli progetti locali, con l’apporto di risorse assolutamente sproporzionate rispetto agli enormi lucri annuali dell’azienda e senza nessun impegno permanente e obbligatorio con la popolazione locale.

Si intravede la possibilità che le popolazioni e le amministrazioni pubbliche locali possano riscuotere indennizzi e royalties, secondo l’impatto socio-ambientale generato dal processo di estrazione mineraria. Questo processo, vincolato da accordi giuridici, potrebbe concretizzarsi in un Fondo di Sviluppo con partecipazione statale e di Vale, amministrato in modo paritario con la società civile, per investimenti ambientali (nell’area della agroecologia, della riforestazione con specie native, di sussidi per l’agricoltura familiare e cooperativa, di recupero di fiumi e ruscelli, etc.) e anche di carattere sociale.

La campagna si muove già nel 2008 in diverse direzioni:

- studio e ricerca (raccolta di dati sull’impatto ambientale della ferrovia, documentazione dei danni provocati alle persone e al suolo, leggi ambientali e collaborazione di Vale con i comuni attraversati dalla ferrovia, comparazione della situazione di Carajás con altre simili in Brasile e fuori, analisi dei dati economici/contabili di Vale, etc.).

- formazione e mobilitazione delle persone (realizzazione di seminari, produzione di materiali di divulgazione e piccoli documentari, cartine, pagine internet, incontri di formazione, etc).

-         rafforzamento della rete di azione, coinvolgendo i gruppi e i movimenti interessati, tanto a livello nazionale come internazionale.

Una coordinazione composta da rappresentanti di organizzazioni sociali, liberi professionisti, professori e ricercatori universitari comincia già a percorrere i primi passi di questo lavoro.

Partecipa anche tu a questa lotta per la giustizia e una equa ripartizione dei beni della terra, per la vita dei popoli e dell’ambiente lungo la Estrada de Ferro Carajás!
 

Coordinamento della Campagna “Justiça nos Trilhos” (Sui binari della Giustizia)

Contatti:

binaridigiustizia@gmail.com


Commenti

complimenti! grazie davvero per la divulgazione alla nostra campagna e per l'appoggio alla vita del nostro popolo di Carajás. Chiunque voglia contattarci o aiutarci, siamo a disposizione!
e buon cammino anche a voi in Italia!
dário

Inserito da padre dario, il 01/06/2009 alle 14:54

 1 
Pagina 1 di 1 ( 1 Commenti )
©2006 MosCom

Inserisci il tuo commento qui sotto

Nome (obbligatorio)

Indirizzo E-Mail (obbligatorio)
In tuo indirizzo E-mail non verrà visualizzato sul sito ma solo all' amministratore
Commento (supported) [BBcode]

 
Comunità
 News Autogestite
 Foreign peoples and languages
 Comunicati
 MailingList
 Chi siamo
 Banner Sito
 Indirizzi Comboniani
Su Strade di PACE
 Carovana Pace 2008
 Laboratorio 2005
 Carovana Pace 2004
 Carovana Pace 2003
 Giubileo Oppressi 2002
 Giubileo Oppressi 2000

MaterialidiPACE

Links
 


 


:: Torna Sopra ::
    sponsored by NIMWAVE