giovaniemissione.it

A nome dei bambini rapiti della contea di Agago

di p. Anthony dall'Uganda

torna alla pagina "lettere della missioni"

PATONGO MISSION

P.O. Box 45

LIRA – UGANDA

  EAST AFRICA

 

A nome dei bambini rapiti della contea di Agago e da parte mia i nostri più sinceri saluti. A causa di più di quindici anni di guerra civile nella regione settentrionale dell’Uganda, centinaia e centinaia di innocenti civili, la maggior parte dei quali donne e bambini, hanno sofferto molto.

A causa di una perdurante insurrezione nella regione settentrionale dell’Uganda, molti bambini sono rimasti traumatizzati, deformati e alcuni senza casa. Senza istruzione, violentati e centinaia e centinaia di bambini sono stati rapiti per diventare bambini soldato (le bambine sono obbligate e stare come donne coi ribelli). A dire il vero, con tutti questi problemi che i bambini del nord Uganda hanno sperimentato, ho pensato di iniziare questo progetto per aiutare i bambini al di sotto dei 18 anni di età rapiti che sono tornati. Ho iniziato con cinquanta bambini rapiti tornati e ora il numero è aumentato a 151. Comunque molti di loro devono ancora essere recuperati. Tra loro ci sono 40 ragazze e 111 ragazzi; 37 bambini sono pesantemente deformati e devono essere sottoposti a operazioni chirurgiche per correggere le loro deformazioni e rimuovere le pallottole.

Mentre vi scrivo ho riportato 71 bambini ai rispettivi genitori, 28 ai loro parenti dato che essi hanno perso i loro genitori e i restanti 52 sono ancora nella missione (quelli che non hanno un posto dove andare). Nel processo di ristabilimento sono riuscito a dare loro coperte, vestiti, catini e cibo. Innanzitutto ho aperto un centro di ascolto a Patongo, una missione dove loro hanno consiglio una volta alla settimana, in particolare ogni martedì.

SCOPI E OBIETTIVI DEL PROGETTO:

1.      Riportare i bambini della contea di Agago rapiti che sono tornati ai loro genitori e parenti.

2.      Creare centri di ascolto con personale preparato per aiutare quelli che sono stati traumatizzati a reinserirsi nella società.

3.      Sviluppare e accrescere le capacità dei bambini rapiti recuperati attraverso una formazione volontaria.

4.      Fornire una formazione di supporto in lavori manuali (servizio, maglieria, carpenteria e falegnameria)  per i bambini rapiti ritornati e giovani.

5.      Dare ai membri uno spirito di fiducia in se stessi lavorando diligentemente per ridurre le richieste di aiuto e l’affidamento su altre persone.

6.      Il progetto deve prestare attenzione alla disponibilità di acqua pulita in cooperazione con le autorità locali e altri agenti esterni.

7.      Il progetto deve sostenere qualsiasi progetto o programma che preveda una vigorosa campagna contro l’AIDS.

8.      Formare la morale dei bambini rapiti donando loro la religione come un elemento sociale.

Ora io conto su di voi, organismi di carità, NGO e persone di buona volontà, per mandarci fondi e unire le mani a noi nel sostegno dei bambini rapiti del nord Uganda.

COSA INTENDIAMO FARE:

1.      Portare i bambini deformati all’ospedale di Kalongo per le operazioni chirurgiche per correggere le loro deformità e rimuovere le pallottole.

2.      Acquistare attrezzature da laboratorio per aiutare i bambini in campi quali:

a)      carpenteria e falegnameria

b)      muratura e pratica concreta

c)      riparazione di radio e orologi, installazioni elettriche

d)      sartoria, servizio e maglieria

Augurandovi la migliore fortuna, il vostro materno e paterno sostegno sarà veramente apprezzato. Grazie, il Signore vi benedica,

                                          p.Anthony Bosco Sule Mawa

(originale in inglese)

Condividi questo articolo:

Registrati alla newsletter